0 Shares 9 Views
00:00:00
16 Dec

Festival di Cannes 2013 – Tutti i film e tutti i premiati

Michele Antonelli - 27 maggio 2013
27 maggio 2013
9 Views

La Palma d’oro, si diceva, se l’è aggiudicata con merito il regista tunisino Abdellatif Kéchiche col film La vie d’Adele, ma la giuria capitanata da Mr. Spielberg ha assegnato altri importanti premi ad altri bei film, molti dei quali hanno lasciato una piacevole sensazione di pace ritrovata con il cinema che non cede necessariamente al biz. Cinema, insomma.

L’importante Gran premio della Giuria, che nel corso degli anni ha anticipato spesso successi al botteghino, è andato ai fratelloni Coen e il loro Inside Llewyn Davis, ancora capaci di sfoderare, con un eclettismo da “giovani veterani”, storie deliziose e mai banali.

Il Premio della Giuria, terzo riconoscimento per importanza, è stato consegnato al film Soshite chichi ni naru (titolo tradotto: Tale padre, tale figlio) di Kore-eda Hirokazu, un regista e sceneggiatore giapponese la cui filmografia è caratterizzata da drammi intimistici spesso legati all’esperienza della morte. Questo film narra di un uomo che scopre di non essere il padre biologico del figlio cresciuto fino ad allora, a causa di uno scambio avvenuto alla nascita.

Il messicano Amat Escalante ha ricevuto il premio alla regia per il suo violentissimo Heli, mentre la miglior sceneggiatura è andata al regista cinese Jia Zhang-ke con il film A Touch of Sin.

Miglior attore ed attrice sono stati rispettivamente: Bruce Dern, cimentatosi in Nebraska e Berenice Bejo per The Past.

Grande escluso Sorrentino, quanto a premi, ma se l’è cavata bene con gli applausi e qualche risata, anche perché il suo pupillo/Servillo è amatissimo oltralpe.

L’unico premio italiano è stata una menzione speciale per il cortometraggio 37°4 S del nostro Adriano Valerio, in ex-equo con un islandese che si chiama… copia e incolla: Gudmundur Arnar Gudmundsson.

 

Riassumendo:

  • Palma d’oro: La Vie d’Adèle (Abdellatif Kechiche)
  • Grand Prix speciale della giuria: Inside Llewyn Davis (Joel e Ethan Coen)
  • Premio della giuria: Like Father Like Son (Hirokazu Kore-eda)
  • Migliore attrice: Berenice Bejo (The Past)
  • Miglior attore: Bruce Dern (Nebraska)
  • Miglior regia: Amat Escalante (Heli)
  • Miglior sceneggiatura: Jia Zhang-ke (A Touch of Sin)
  • Camera d’Or: Ilo Ilo (Anthony Chen)
  • Palma d’oro al miglior cortometraggio: Safe (Moon Byung-gon)

E adesso, buona visione!

Michele Antonelli

Loading...

Vi consigliamo anche