0 Shares 10 Views
00:00:00
15 Dec

Festival di Venezia 2011: Le idi di marzo di George Clooney, trailer e recensione

1 settembre 2011
10 Views

E’ destinato a far parlare e a mostrare un George Clooney sempre più "impegnato" il nuovo film che l’attore/regista ha presentato durante la Mostra del Cinema di Venezia 2011, Le idi di marzo.

La storia è, probabilmente, ben conosciuta e racconta di una corsa presidenziale in Ohio quando un giovane addetto stampa, Stephen Meyers (Ryan Gosling), si ritrova a lavorare per il candidato Mike Morris (George Clooney) sempre più importante e si convince che grazie a lui le cose andranno per il verso giusto.

Poco prima della chiusura dei sondaggi per le primarie, Stephen e il più anziano Paul Zara (Philip Seymour Hoffman) si rendono complici e vittime allo stesso tempo di inganni, sotterfugi e astuzie (Evan Rachel Wood) di chi in politica e in comunicazione è da anni (Paul Giamatti) e sa come gestire le criticità e crearne di nuove.

Dalla caduta il giovane Stephen alzerà la testa e riuscirà a scoprire cosa c’è di buono e cosa c’è di sbagliato nella politica, guardando con occhi diversi i suoi amici e i suoi nemici.

Le idi di marzo è tratto dal testo teatrale di Beau Willimon Farragut North ma Clooney, da sempre un aperto sostenitore dei democratici, lo rende pruriginoso e non risparmia frecciatine a nessuno di fatto spostando l’attenzione dal campo della politica al campo della morale, spesso messa in discussione proprio dall’atteggiamento dei singoli, del cinismo e dell’ambizione.

Si resta colpiti dal fatto che il film di Clooney non sia specificamente dedicato al solo pubblico americano ma di fatto racconti una storia ben nota a tutti: quella di un potere corrotto e corruttibile e di tutti quelli che ruotano intorno a questo potere e che, una volta incasellati nelle trame sporche della politica, ne diventano complici e si nutrono delle loro stesse mancanze.

Le idi di marzo arriverà in Italia il 13 gennaio 2012, di seguito il trailer:

Loading...

Vi consigliamo anche