Identikit di un delitto – The Flock

Richard Gere e Claire Danes sono i protagonisti di Identikit di un delitto diretto da Andrew Lau, famoso regista di Hong Kong che ha già diretto la trilogia Infernal Affairs da cui Martin Scorsese ha tratto il suo The Departed.

Identikit di un delitto racconta la storia di Errol Babbage (Richard Gere), un funzionario di polizia stressato emotivamente che, dopo 18 anni passati a monitorare predatori sessuali in libertà vigilata, viene costretto a un pensionamento anticipato.

Con i suoi metodi non ortodossi, Babbage ha creato problemi ai suoi superiori e nelle ultime settimane di lavoro è incaricato di addestrare la giovane agente che lo sostituirà, Allison Lowry (Claire Danes).

Quando scompare un’adolescente, Babbage si convince che il responsabile del rapimento sia uno dei criminali di cui si occupa, ma nessuno gli crede; insegnando il mestiere alla giovane recluta, Babbage oltrepassa i confini della normale procedura e la fa scontrare direttamente con il sordido mondo dei depravati del Flock.

La ragazza, e il pubblico con lei, non sono sicuri se Babbage sia l’unico agente veramente impegnato a salvare la vittima o un uomo che si è addentrato troppo nell’abisso dopo esserne rimasto ai margini per anni; per anni Babbage si è occupato infatti di tenere sotto controllo i predatori sessuali in libertà vigilata, chiamati in gergo Flock dal Dipartimento, persone violente, instabili e imprevedibili, per evitare che possano ancora molestare o assassinare bambini e adolescenti.

Poiché Babbage per legge non può impedire loro di mescolarsi alla gente nei luoghi pubblici, minaccia e provoca di frequente quelli del Flock che gli sono assegnati, usando anche la violenza fisica se necessario; il suo messaggio non scritto è che li tiene costantemente sotto controllo e alcune delle sue tecniche forse sono illegali, ma è l’unico modo per proteggere la società da questo gruppo di assassini.

Dopo aver lavorato per tanti anni in questo ambiente, Errol è profondamente provato dall’implacabile orrore cui assiste. Vuole uscirne, ha bisogno di lasciare, ma non è sicuro di poterlo fare.

Chi terrà d’occhio quei mostri? Ma la scelta non sta a lui, perché il suo capo, Bobby Stiles (Ray Wise), decide di mandarlo in pensione anticipata. Babbage cerca disperatamente di mantenere quello che è rimasto della sua stabilità mentale, e fare in modo che la perdita del lavoro che da un qualche significato alla sua vita non lo spinga oltre i limiti.

Identikit per un delitto solleva una serie di interrogativi su problemi complessi e inquietanti, tutti legati alla violenza dell’uomo: tutti gli altri esseri uccidono per il cibo o per il territorio, noi perché uccidiamo?

La guerra è sicuramente l’orgia di morte più efficiente, in genere mascherata da nazionalismo e/o supremazia religiosa; la scienza e la storia hanno mostrato che il nostro comportamento crudele e violento è determinato biologicamente, milioni di anni fa garantiva la sopravvivenza delle tribù. Ma ora a cosa serve? E’ come un’appendice, ormai inutile, che permane ancora.