0 Shares 6 Views
00:00:00
11 Dec

Intervista a Margherita Dellea di RIM-Blackberry

17 aprile 2009
6 Views

In occasione dell’apertura del BlackBerry Charity Shop, Margherita Dellea di RIM ci parla dell’iniziativa e del futuro.

1: Come mai la scelta di invitare ad acquistare abiti appartenuti a personaggi del mondo dello spettacolo?
L’idea del BlackBerry Charity Shop è nata in occasione della Settimana della Moda Milanese: BlackBerry è sicuramente uno smartphone “fashion”, uno strumento tanto utile e prezioso per la vita professionale e privata, quanto un accessorio legato al mondo della moda per le sue caratteristiche di estetica e di design. Abbiamo quindi pensato di partecipare alla Fashion Week milanese ma di farlo in un modo un po’ diverso: abbiamo voluto che la Moda aiutasse le persone più bisognose, che la Settimana della Moda diventasse un’occasione non solo per celebrare la bellezza e lo stile, ma anche per creare qualcosa di davvero utile. Ed ecco quindi l’idea di creare il BlackBerry Charity Shop, un temporary store con gli abiti di tanti amici VIP che, ovviamente, non si è concluso con la Settimana della Moda ma prosegue ancora, fino al 30 aprile, presso il concept store multi-design “Sempione Sei”, in Corso Sempione 6, Milano.

2. Come mai avete scelto di appoggiare Tesoro nel Campo?
Come già detto volevamo creare un’occasione in cui la moda potesse aiutare chi ne ha più bisogno. Il progetto de “Il Tesoro nel Campo” ci è sembrato assolutamente meritevole e abbiamo scelto di aiutare Luca Calvani a raccogliere fondi per i bambini Kenioti.

3. In che modo l’applicazione BlackBerry Charity Shop sta stimolando l’asta, contribuendo ad aumentare le offerte?
Per fare in modo che i capi messi all’asta presso il nostro store superassero i confini di Milano, abbiamo appositamente creato l’ applicazione “BlackBerry Charity Shop”, scaricabile online all’indirizzo http://it.blackberry.com/charityshop, che consente a tutti gli utenti BlackBerry di vedere sui propri smartphone gli abiti ed accessori dei VIP e di richiedere direttamente informazioni inviando una mail a “Tesoro nel Campo”. Se si considera che ci sono oltre 25 milioni di utenti BlackBerry in tutto il mondo, questa applicazione contribuisce tantissimo alla possibilità di aumentare le offerte per l’asta.

4. Quanto conta la tecnologia per un’iniziativa del genere? E conta più la tecnologia, il brand degli oggetti venduti o l’appeal dato dall’unione di queste due componenti?
La tecnologia è imprescindibile per un’iniziativa come questa: chiunque possieda un BlackBerry, in qualsiasi momento ed ovunque si trovi, grazie all’ applicazione “BlackBerry Charity Shop”, può accedere alla Gallery dove ci sono le immagini e le descrizioni dei capi ed “innamorarsi” di un abito o di un accessorio.  Gli smartphone BlackBerry sono dispositivi tecnologici, eleganti e semplici da usare, che grazie alle avanzate funzionalità multimediali e alle potenti capacità di comunicazione consentono di vivere un’esperienza a 360°: in questo caso, rendono possibile visitare un negozio in qualsiasi momento con pochi e semplici click sul proprio smartphone.  

5. Oltre ad aver messo a disposizione la tecnologia, come RIM-BlackBerry avete fatto altro per Tesoro nel Campo?
Tutta l’iniziativa del “BlackBerry Charity Shop”, la sua organizzazione e realizzazione, la comunicazione a supporto ed ovviamente la tecnologia a disposizione, sono state volute e gestite da BlackBerry, che ha realizzato questo progetto curandone ogni aspetto per poter sostenere in maniera concreta Tesoro nel Campo.

6. Come sta andando l’asta? Ci fa un identikit dell’acquirente medio?
L’asta procede per il meglio e stiamo raccogliendo molte proposte di offerta. Per ogni abito è fissata una base d’offerta, una cifra indicativa che ogni eventuale acquirente può rilanciare fino alla fine di aprile. Alla fine del periodo di asta, l’offerta migliore si aggiudicherà il capo. Le offerte possono essere comunicate direttamente a “Sempione Sei”, che raccoglie nominativi e riferimenti di chi è interessato a partecipare. Chi invece non desidera attendere la chiusura dell’asta e aggiudicarsi subito il capo prescelto, può fare un’ “Offerta TOP” e ritirare subito l’abito o l’accessorio.

7. Avete in programma altre iniziative di questo tipo?
Siamo sicuramente interessati ad altre iniziative di questo tipo, visto soprattutto il successo che sta avendo il “BlackBerry Charity Shop”. 

Vi consigliamo anche