0 Shares 13 Views
00:00:00
18 Dec

Italy in a Day: dopo Ridley Scott, Gabriele Salvatores

LaRedazione - 27 settembre 2013
LaRedazione
27 settembre 2013
13 Views

Un progetto cinematografico innovativo, nato negli Stati Uniti sotto la regia di Ridley Scott, e proseguito con grande successo in Gran Bretagna e in Giappone, è pronto a sbarcare anche in Italia.

Il ventisei ottobre prossimo sarà infatti il giorno nel quale scatterà l’ora X per ‘Italy in a Day‘, la pellicola che potrà essere girata da qualsiasi cittadino del nostro paese con una videocamera, un telefonino o qualsiasi altro dispositivo in grado di effettuare delle riprese video.

Tutte le clip, che dovranno mostrare momenti che potranno essere esplicativi dello stile di vita italiano e del momento storico che si sta attraversando, ma che potranno anche essere semplicemente degli scatti di vita ordinaria, saranno poi assemblate in un mosaico che dovrà rappresentare la vita dei nostri tempi e che andrà a formare il materiale per un vero e proprio film, la cui opera di selezione e ‘taglia e cuci’ delle scene è stata affidata ad un esponente di spicco del nostro cinema, ovvero Gabriele Salvatores.

Il progetto ‘Life in a Day’ risale a tre anni fa, e Ridely Scott ne ha fatto una pellicola di culto, in grado di raccontare piccoli aneddoti straordinari girati dagli americani, ma anche di produrre un affresco di quella che è una giornata tipica del cittadino statunitense medio.

Un’idea che nei progetti ‘Britain in a Day’ e ‘Japan in a Day’ è stata ripresa con enorme successo, per la sua capacità di catturare le peculiarità della cultura locale, ma allo stesso tempo anche di mettere in primo piano l’importanza delle moderne tecnologie e della capacità di condivisione che esse garantiscono ormai a chiunque.

Lo stesso Salvatores si è detto assolutamente entusiasta del compito che gli è stato assegnato, definendo ‘Italy in a Day‘ un progetto dall’enorme potenziale creativo, considerando il messaggio riassuntivo che si dovrà ottenere dalle stesse ventiquattro ore, quelle del prossimo ventisei ottobre, viste però dagli sguardi di migliaia di occhi diversi.

Un lavoro affascinante ma anche complicato, visto che i tantissimi contributi video che presumibilmente arriveranno, andranno raccolti in un montaggio coerente, che possa immortalare una giornata come tante, ma che possa essere riassuntiva di tutte quelle vissute nell’Italia dei giorni nostri.

Dietro ‘Italy in a Day’ c’e lo sforzo produttivo della Rai, con la televisione di stato che ha messo a disposizione tutte le sue piattaforme, per poter realizzare ed in seguito lanciare, prima nei cinema e poi su Rai Due, il progetto ‘Italy in a Day’. Per tutti coloro che vorranno partecipare con la loro testimonianza, i video andranno inviati collegandosi  a Italy in a Day. Poi la palla passerà a Gabriele Salvatores, e al suo delicato lavoro di montaggio.

 

Loading...

Vi consigliamo anche