0 Shares 12 Views
00:00:00
18 Dec

‘Jobs’, il film su Steve Jobs stroncato dalla critica

LaRedazione - 20 agosto 2013
LaRedazione
20 agosto 2013
12 Views

Inutile nascondere che c’era molta attesa per questo nuovo film, ‘Jobs’, dedicato alla vita di Steve Jobs, uno degli uomini più geniali del nostro secolo.
E invece, nonostante le premesse, il film sta andando male. Sia dal punto di vista della critica che da quello degli incassi, ‘Jobs’ rischia di diventare una delle più grosse delusioni della stagione cinematografica.

La pellicola, dove la parte di Steve Jobs è interpretata da Ashton Kutcher, ha ricevuto la pesante stroncatura del celebre New York Times, che lo ha definito poco eccitante, scaricando proprio sull’attore protagonista e sul regista la principale responsabilità, quella di non essere riuscito a trovare un modo coinvolgente per far scoprire agli spettatori le passioni e il genio di Jobs.
Anche il Los Angeles Times non è stato da meno e ha riservato al film un trattamento duro: Kutcher non riuscirebbe infatti a cogliere l’essenza vera di Jobs, la sua anima.
Ultimo ma non ultimo è arrivato anche il severo giudizio del Time Magazine, che ha rilevato in ‘Jobs’ un difetto di intensità e concentrazione.
Se la critica è stata compatta nella sua stroncatura, il botteghino si è comportato di conseguenza, riservando al film solo il settimo posto nella settimana di debutto al box office. Un inizio che non promette nulla di buono per il film.
La difesa – quasi d’ufficio potremmo dire – arriva dal Web. Più benevoli infatti sono apparsi i giudizi da parte di blogger e siti Internet che trattano di tecnologia.

Lo stesso Kutcher, messo sul banco degli imputati dalla critica e persino da Steve Wozniak (il co-fondatore della Apple), ha deciso di controbattere. L’attore infatti ha dichiarato che queste critiche sono parte di una strategia di marketing, ricordando che lo stesso Wozniak è coinvolto nella produzione di un altro film sulla vita di Steve Jobs, che uscirà nelle sale nei prossimi mesi.
Si tratta infatti di una pellicola diretta da Aaron Sorkin, che si basa direttamente sul libro best-seller di Walter Isaacson uscito nel 2011. Sorkin ha dunque tutto il tempo di preparare bene le cose, visto che il suo film uscirà nella sale nel 2015.
Ma anche chi di Jobs non è mai stato un convinto sostenitore, come George Morozov, autore del libro ‘Contro Steve Jobs. La filosofia dell’uomo di marketing più abile del XXI secolo’, ha trovato il film impreciso e scadente.
‘Jobs’, passa in rassegna la vita di Steve Jobs dal periodo dell’università sino alla presentazione dell’I-Pod nel 2001. Il film, diretto da Michael Stern e che vanta nel cast attori come James Woods e Matthew Modine, uscirà in Italia il 3 ottobre.

Loading...

Vi consigliamo anche