0 Shares 4 Views
00:00:00
14 Dec

Just Friends – Solo amici, la recensione

7 maggio 2009
4 Views

Sapete qual’è la regola più odiosa alla quale un amico di sesso maschile deve sottostare, almeno una volta nella sua vita, pur non volendolo fare? Quella secondo cui un buon amico è destinato ad essere tale per sempre, senza via di fuga e senza possibilità di evasione.

Anche se, ogni tanto, il cambiamento è dietro l’angolo e basta una scintilla per fare in modo che si concretizzi almeno stando a Just Friends – Solo amici, commediola americana diretta da Roger Kumble e interpretata da Ryan Reynolds.

Reynolds è Chris Brander, un adolescente sovrappeso da sempre migliore amico della bella Jamie Palamino, che non si rende conto di quanto in realtà l’amico sia innamorato di lei.

Umiliato pubblicamente da alcuni coetanei più in forma di lui, Chris nel corso di una festa decide di lasciare la città.

Dieci anni dopo e tanti chili in meno, Chris si diverte a prendere le ragazze e giocare con loro a suo piacimento; di passaggio nella sua città natale, ritroverà la madre, il fratello minore col quale è sempre stato in conflitto e soprattutto Jamie.

Nel complesso Just Friends – Solo amici è una commedia godibile anche se si nota, a tratti, un vuoto nella sceneggiatura che rende il personaggio di Chris una macchietta di sè stesso, senza senso e poco credibile; e anche l’idea del passato che ritorna, usata e abusata al cinema ma comunque sempre d’effetto, è lasciata troppo al caso e il personaggio perde efficacia.

Ripetiamo: una commedia godibile e carina, per chi non vuole andare a vedere l’ultimo capolavoro cinematografico ma vuole regalarsi una serata leggera e romantica.

Il trailer di Just Friends – Solo amici:

Vi consigliamo anche