0 Shares 9 Views
00:00:00
16 Dec

La doppia ora di Giuseppe Capotondi, recensione in anteprima

dgmag - 10 settembre 2009
10 settembre 2009
9 Views

Doppio applauso per La doppia ora di Giuseppe Capotondi presentato oggi in concorso al Festival del cinema di Venezia e interpretato da Filippo Timi e Ksenia Rappoport.

Un film che racconta di emigrazione, integrazione e amore; che, in alcuni momenti, è anche sesso. Solo sesso.

Protagonisti de La doppia ora sono Sonia (Ksenia Rappoport) cameriera proveniente da da Lubiana, e Guido (Filippo Timi) un ex poliziotto che ora lavora come custode in una villa.

I due si incontrano in uno speed date ed è subito attrazione; i due imparano a conoscersi, si frequentano fino a quando la tragedia spezza quello che sarebbe potuto diventare un sogno.

Ma la trama, chiaramente, non è tutta qui e allora si scopre, guardando il film, che di trame ne esistono due e che entrambe contribuiscono a creare la storia, a dare senso logico al girato e a dare concretezza alla storia.

Ottima sceneggiatura, molto intensi gli interpreti che si calano con perfezione, accuratezza e spigliatezza nelle parti loro affidate da Capotondi.

Un misto tra thriller e melodramma e soprattutto il ricorrente tema della dualità che, se in alcuni momenti spiazza e rende difficile la comprensione del filo logico, in realtà rivela essere l’elemento vincente della pellicola.

Realtà e finzione si intrecciano, sogno e visione diventano parte integrante della narrazione e i personaggi si muovono costantemente tra essere e non essere, stare qui ma stare anche da un’altra parte.

Un’ottima rivelazione per Venezia 66, forse la pellicola più originale e affascinante; nelle sale, distribuita da Medusa, dal 9 ottobre.

Loading...

Vi consigliamo anche