La menopausa non è più un problema per le cinquantenni

Secondo una ricerca realizzata da Gfk Eurisko sul mondo dei sentimenti nelle donne a 50 anni, le cinquantenni italiane sono sempre più moderne e sicure, forti di un nuovo sex appeal e che guardano al futuro con ottimismo e curiosità.

L’indagine è stata fortemente voluta dall’Osservatorio Differently promosso da Lancaster che ha preso in considerazione un campione di 700 donne italiane con età fra i 46 e 59 anni.

Al primo posto, le cinquantenni mettono l’amore e i sentimenti risultano essere molto importanti per il 61% delle intervistate: ciò dimostra che ben il 94% delle donne, libere dagli impegni lavorativi, familiari e di cura dei figli, hanno molto più che a 30/40 anni una maggiore consapevolezza della propria affettività.

Il 90% delle cinquantenni italiane ha dei figli, e il 71% dedica loro molta attenzione. D’altro canto è da rilevare un dato curioso: il 28% dichiara scarsa o nessuna attenzione verso i figli ormai cresciuti, confermando il desiderio di maggiore autonomia delle donne ma anche il fatto che i figli delle cinquantenni di oggi sono più indipendenti. Insomma, solo il 13% delle cinquantenni non è felice che i figli lascino la casa. Infine, solo il 25% considera amicale il rapporto con i propri figli.

Il 47% delle cinquantenni afferma che il divorzio è una brutta esperienza che lascia il segno, ma solo il 10% lo considera quale la fine di un periodo della vita. Anche una separazione può essere vista non più soltanto come un evento catastrofico, ma come una liberazione da un rapporto sbagliato (il 32% delle intervistate la pensa così).

Se il 22% delle cinquantenni non ha un uomo dei sogni, il 20% è sensibile al fascino degli intellettuali. Nella classifica del principe azzurro perfetto seguono gli imprenditori e gli uomini d’affari (17%), e gli attori del cinema americano (14%), mentre in coda troviamo i politici (solo il 3% delle donne li sogna come uomini ideali) e i nobili doc (3%): insomma il principe azzurro dell’adolescenza è ormai nella polvere, le cinquantenni non si illudono più.

Ma cosa preoccupa di più le cinquantenni moderne? Al primo posto per tutte figurano i problemi di salute. Non a caso, il 70% delle cinquantenni teme le malattie: la rigidità motoria e il timore della metamorfosi progressiva delle forme del corpo appaiono come il maggior motivo di allarme. Il 17% ha paura della solitudine, mentre invecchiare spaventa solo il 6%. Le rughe del viso e la mancanza di tono della pelle, dunque, non rappresentano più una barriera insormontabile.