Maradona in ospedale per squilibrio cardiaco

Mentre in Italia esce il film che ne esalta la carriera, Diego Armando Maradona finisce sui giornali per un nuovo ingresso in ospedale dovuto all’abuso di alcol e cibo.

Il medico curante del Pibe de Oro ha fatto sapere che l’uomo non è in pericolo di vita e che la cocaina non c’entra nulla con il ricovero, dovuto invece alle cattive abitudini quotidiane “nel bere, nel mangiare e nel fumare sigari”.

“Se a questo si aggiunge lo stress, il ricovero è una conseguenza logica, anche se contro la sua volontà”, ha fatto sapere il dottor Alfredo Cahe.

Secondo Cronica Tv, Maradona “ha avuto un mancamento” pochi minuti prima di imbarcarsi su un aereo che lo doveva trasferire in Svizzera dove avrebbe dovuto sottoporsi ad una terapia per ridurre il suo peso corporeo; Maradona è stato così ricoverato al 13° piano della clinica Guemes alle 22.15 (le 3.15 in Italia), dopo un trasferimento in ambulanza dalla casa dei genitori nel quartiere di Villa Devoto, ed è assistito dalle figlie Dalma e Giannina e dalla ex moglie, Claudia.

Nel 2000 Maradona venne ricoverato per un infarto a seguito di un’overdose di cocaina e la stessa cosa accadde nel 2004; aumentato vertiginosamente di peso, il campione argentino nel 2005 si sottopose anche ad un intervento di bypass gastrico.