Morto Charlton Heston, teorico dell’arma facile

A 84 anni è morto a Beverly Hills Charlton Heston, affetto da morbo di Alzheimer di cui aveva parlato con un messaggio nel 2002.

Nato il 4 ottobre del 1924, Heston divenne famoso con il film Ben Hur, grazie al quale vinse il suo unico Oscar, e nel tempo partecipò anche a serie televisive di successo com Dinasty, Beautiful e Friends.

Sposato dagli anni ’50 con Linda, Heston è sempre stato impegnato politicamente nelle file del partito repubblicano e ha ricoperto incarichi istituzionali come presidente del Sindacato degli attori e poi dell’American Film Institute.

Molti lo ricordano per la sua apparizione nel film-documentario di Michael Moore, Bowling for Colombine, in cui appoggiò l’uso indiscriminato delle armi in America; Moore lo intervistò consegnandogli la foto della bambina uccisa da un coetaneo in una scuola elementare e ricordandogli i morti della Columbine School di Littleton.

Ma Heston rispose sempre nello stesso modo: "il Secondo Emendamento mi da’ il diritto di possedere armi".

"Il mondo e’ un posto difficile. Nessuno ne esce vivo", disse. Specie quando si usano le armi come giocattoli.