0 Shares 7 Views
00:00:00
15 Dec

Mostra cinema Venezia 2010: Noi credevamo di Mario Martone

8 settembre 2010
7 Views

E’ stato accolto da applausi il terzo film italiano in concorso alla Mostra del cinema di Venezia, Noi credevamo di Mario Martone con Luigi Lo Cascio, Valerio Binasco, Luca Barbareschi e Francesca Inaudi.

Noi credevamo racconta la storia di Domenico (Luigi Lo Cascio) e Angelo (Valerio Binasco), che diventano mazziniani da giovani; ma se Domenico combatte lealmente, viene rinchiuso in carcere poi si unisce ai garibaldini, Angelo dopo aver ucciso un innocente diventa un fanatico mazziniano.

I loro destini si incrociano con quelli dei personaggi realmente esistiti e soprattutto con Francesco Crispi (Luca Barbareschi) e Cristina di Belgioioso (Francesca Inaudi).

Sarà dopo la repressione delle camicie rosse in Aspromonte, che i due capiranno che l’Unità d’Italia è stata costruita in maniera sbagliata.

In complessive 3 ore e mezza di film, Mario Martone ripercorre gli avvenimenti più importanti della storia risorgimentale italiana e lo fa partendo dal personale per arrivare ad una valutazione generale sui fatti.

Quello che colpisce è la totale assenza di faziosità che permette allo spettatore di seguire la storia senza avvertire alcun tipo di condizionamento esterno da parte del regista o della storia che pure si presterebbe bene a strumentalizzazioni ideologiche.

Interessante il lavoro di recupero dei discorsi dei personaggi esistiti che sono stati inseriti nel film senza alterarne la spontaneità.

I quattro episodi strizzano l’occhio alla televisione e restituiscono l’immagine di un’Italia “gretta, superba e assassina” che già allora veniva prepotentemente a galla.

Il trailer di Noi credevamo:

Loading...

Vi consigliamo anche