0 Shares 15 Views
00:00:00
16 Dec

Nicolas Vaporidis: le scie chimiche non perdonano!

Lea Stazi - 12 aprile 2013
12 aprile 2013
15 Views

Sappiamo che Nicolas Vaporidis non si limita solo al suo ruolo di attore, basti guardare sulla sua pagina ufficiale di Facebook: sull’immagine di copertina si legge un bel: Disobey! In più, questo trentottenne combattivo ha anche da poco dichiarato alle Iene di aver votato in favore del Movimento 5 stelle perché convinto di fare una vera rivoluzione.

In effetti, Nicolas non perde tempo e, tra le altre cose, scrive una filippica su Facebook sulle scie chimiche: "Quelle che noi crediamo essere semplici scie di condensa degli aerei sono in realtà scie chimiche liberate a bassa quota che contengono bario mercurio zolfo e zinco. Tutti metalli pesanti e tossici. La gente non sa o non crede e fanno tutti finta di niente". E poi passa pure a criticare i presunti troll che, a pagamento (pagati da chi?), commenterebbero negativamente i post di Bebbe Grillo.

Parte immediato lo sfottò in rete, iniziato poi dal gruppo che mira proprio a criticare i grillini: “Siamo la gente, il potere ci temono”, che subito non perde tempo e crea il gruppo: “Notte prima delle scie kimici”.

Persino molti dei suoi fans cominciano a metterlo alla berlina e, alcuni, gli consigliano di lasciar perdere questi argomenti e dedicarsi all’unica cosa “che non sai fare: recitare”.

Purtroppo per noi, Nicolas ha pensato bene di cancellare i post da Facebook; ma non sa che rimane traccia dei commenti? Così, sulla sua pagina Twitter ufficiale, i followers possono leggere "Noi intanto continuiamo a stare zitti o a prenderci per il culo su FB. Avanti cosi che andiamo bene", con il rimando al link su Facebook, vuoto, ma il diario lascia in memoria tutto!

I presunti troll continuano ad insultarlo e a rivangare la sua bella figura fatta sul web, qualcuno gli chiede anche: “tu il funzionamento di un aereo lo conosci bene?” e lui, non contento, risponde: “io si, e tu?”.

Aveva proprio ragione Oscar Wilde: "a volte è meglio tacere…”.

Lea Stazi

Loading...

Vi consigliamo anche