Nigeria, liberati i tecnici Russo e Arena

Sono stati liberati Francesco Arena e Cosma Russo, i due tecnici dell’Agip sequestrati il 7 dicembre scorso in Nigeria.

I due erano stati rapiti insieme all’italiano Roberto Dieghi liberato il 17 gennaio per motivi di salute e al libanese Imad Saliba vicino una stazione petrolifera Agip nei pressi di Port Harcourt; il loro sequestro era stato rivendicato dalla guerriglia del Movimento per la liberazione del Delta del Niger (Mend), in lotta contro il governo federale nigeriano, accusato di privare la popolazione locale dei proventi derivanti dall’estrazione del petrolio.

Nonostante la liberazione di Arena e Russo, il Mend ha fatto sapere che i sequestri non si fermeranno e in futuro colpiranno nuovamente stranieri.

Nessun riscatto era stato chiesto dal Mend per la liberazione di Francesco Arena e Cosma Russo dal momento che il movimento ha sempre dichiarato che si trattava di un sequestro a scopo esclusivamente politico

Le condizioni dei due ostaggi, nostante i 3 mesi di prigionia, sarebbero buone.

Francesco Arena ha parlato con RaiNews24 dichiarando: “io sto bene, bene. Non soffriamo di nessuna malattia. Siamo stati trattati bene, nel modo migliore in cui si possono trattare le persone nella giungla. Ora siamo nell’infermeria della Saipem per un controllo. In questo momento non abbiamo idea di quando rientreremo in Italia. Spero al più presto, spero già domani, entreremo in contatto con la nostra compagnia. Ho già telefonato, sono stati informati, ora vediamo cosa possiamo fare”.

Per poi aggiungere: “non ci possiamo davvero lamentare, abbiamo vissuto nella foresta e hanno fatto in modo che noi stessimo meglio di loro, a noi davano l’acqua minerale e loro bevevano l’acqua sporca”.