Paypal cresce e diventa banca

Nel 2006 PayPal è stato considerato da Forrester Research il sistema di pagamenti preferito dagli utenti che acquistano in Rete e per questo l’evoluzione del sistema sembra naturale: trasferisce la propria sede europea in Lussemburgo e diventa un vero e proprio istituto bancario.

“Illustrando i propri piani di sviluppo nel settore del commercio online, PayPal annuncia oggi il trasferimento in Lussemburgo della propria sede principale in Europa, dopo aver richiesto e ottenuto dalla CSSF lussemburghese la licenza ad operare come banca a partire dal 2 luglio 2007”, si legge nel comunicato stampa diffuso da Paypal.

“Questo trasferimento consentirà alla compagnia di migliorare il servizio offerto ai suoi 35 milioni di conti europei e di aumentare il numero dei negozi online dove gli utenti possono fare acquisti con PayPal. Grazie alla nuova licenza, PayPal potrà creare uffici vendita nei singoli Paesi europei: questo permetterà di rispondere meglio alle esigenze dei commercianti online che vogliano usufruire della vasta gamma di soluzioni di pagamento PayPal, nonchè della sua ampia e fedele base utenti”.


“La nostra aspirazione è che PayPal sia offerto come metodo di pagamento su tutti i siti di ecommerce in Europa”
, ha dichiarato Brent Bellm, direttore di PayPal in Europa. “Permettendo agli acquirenti di pagare con il metodo che preferiscono, senza inserire e condividere ogni volta le proprie informazioni finanziarie, i commercianti possono aumentare le proprie vendite. Molti negozi on line hanno visto crescite significative del loro business dopo aver adottato PayPal. Sicurezza, semplicità d’uso e velocità sono alla base del nostro servizio”.

Attualmente sono 14 i Paesi che permettono di pagare con PayPal e 16 le valute utilizzabili.

La nuova possibilità offerta a Paypal sembra essere una mossa evidente contro Google Checkout, che è arrivato da poco in Uk per occupare gli spazi lasciati liberi da Paypal stesso.