0 Shares 7 Views
00:00:00
18 Dec

Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana, recensione

dgmag - 17 settembre 2009
17 settembre 2009
7 Views

Arriva nelle sale il 18 settembre Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana con Denzel Washington, John Travolta, John Turturro, Luis Guzman, Michael Rispoli e James Gandolfini, per la regia di Tony Scott.

Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana Denzel Washington interpreta un dipendente della metropolitana di New York Walter Garber, che vede una giornata come tante altre trasformarsi in un incubo a causa di un crimine estremo: il dirottamento di un treno della metropolitana.

John Travolta incarna Ryder, la mente criminale che, come capo di un gruppo armato di quattro
persone, minaccia di far fuori i passeggeri del treno, a meno che non venga pagato loro un ingente riscatto nel giro di un’ora.

Mentre la tensione sale, Garber sfrutta la sua vasta conoscenza del sistema di metropolitane in una battaglia per sconfiggere in astuzia Ryder e salvare gli ostaggi.

Ma c’è un enigma che Garber non riesce proprio a risolvere: anche se i ladri otterranno i soldi, come faranno a scappare?

Belle le intenzioni, interessante la storia ma il risultato finale delude e non poco: la narrazione è come se fosse bloccata, non riesce a penetrare nei cuori degli spettatori e gli attori non riescono a dare spessore ai personaggi che interpretano lasciandoli in una sorta di limbo dal quale non riescono mai ad uscire per materializzarsi.

La presenza dei molti luoghi comuni tipici del genere non fa che rendere ancora più pressante l’idea che Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana sia un film riuscito a metà e che si sarebbe potuto fare di più, e meglio, invece di fermarsi alla semplice messa in scena di conflitti, scene d’azione e sterili quanto imprecise rappresentazioni psicologiche.

Loading...

Vi consigliamo anche