Per i blogger un codice di condotta

Con la diffusione dei blog diminuisce la qualità dei post che vengono pubblicati in rete. Non tutti hanno la “cultura del blog” e così sempre più spesso vengono postati interventi offensivi, minacciosi e volgari.

I guru del web si stanno interrogando su questo fenomeno e stanno stilando una sorta di netiquette rivolta a chi gestisce un blog.

Tim O’Reilly, in particolare, ha pubblicato sul proprio sito una bozza di regolamento che tutti dovrebbero seguire per non “far scadere” il web come mezzo comunicativo e informativo.

Nel documento si invitano i blogger a cancellare commenti offensivi, diffamatori, anonimi.

Per O’Reilly il male dei blogger è di essere infantili e di fomentare discussioni offensive e poco costruttive.

Probabilmente più che un “codice d’onore” dalla difficile attuazione, nel pieno spirito del web2.0, potrebbe essere utile far decidere agli utenti, tramite votazione, se cancellare o meno determinati commenti.