Rise – La setta delle tenebre

Sebastian Gutierrez dirige Lucy Liu in La setta delle tenebre, nelle sale dal 23 maggio.

La setta delle tenebre è un thriller soprannaturale in cui la giornalista Sadie (Lucy Liu) scopre l’esistenza di una setta segreta  che sta diventando una moda fra i giovani di Los Angeles; ma quando questi ragazzi iniziano a sparire per poi venire ritrovati morti e così Sadie inizia a indagare.

Tuttavia nel corso delle indagini lei stessa diventa la preda del guru che manipola gli adepti e che ha ordito i violenti omicidi.

Un giorno Sadie si risveglia nel buio e scopre di non essere più viva, ma di non essere ancora neanche completamente morta e vagando nel sordido mondo metropolitano di Los Angeles, i suoi sensi si risvegliano: ha bisogno di calmare la sua sete, e il sangue è l’unico nutrimento che desidera. Ma come farà a uccidere gente innocente per soddisfare la sua brama? E perché è ancora viva quando dovrebbe essere morta?

Il detective Rawlins (Michael Chiklis) ha perso la sua unica figlia a causa della  stessa setta. Distrutto dal dolore, intende rintracciare l’omicida e farsi giustizia; quando incontra Sadie inizialmente la scambia per un’assassina ma presto si renderà conto che la donna potrà condurlo sulle tracce dei responsabili di questi odiosi delitti.

Lui e Sadie si uniscono in questa missione, spinti dallo stesso desiderio: scovare il responsabile della setta e ucciderlo. Uniranno le proprie forze nonostante Sadie sia tecnicamente morta, come sua figlia.

Sadie e Rawlins stringono un accordo: uccideranno tutti i membri della setta nella speranza di trovare il loro leader, in modo da fermare il massacro di tanti innocenti.

Privo di grandi effetti speciali, La setta delle tenebre gioca tutte le sue carte sfruttando l’ottimo cast che però non riesce a salvare una pellicola a tratti esilarante e decisamente poco interessante, se non per quanti amano l’horror in tutte le sue forme, anche quelle più strampalate.

Non riusciamo davvero a capire come Robert De Niro abbia potuto volere La setta delle tenebre per il suo Tribeca Film Festival se non pensando a qualche rapporto amicale da salvare e qualche relazione lavorativa da intrattenere.

Da segnalare il cameo di un irriconoscibile Marylin Manson, del tutto impermeabile rispetto alla buona riuscita del film