0 Shares 13 Views
00:00:00
11 Dec

Sole a catinelle: biglietto d’oro per Checco Zalone

Gianfranco Mingione
5 dicembre 2013
13 Views

Un incasso che vale un biglietto d’oro! E di premi, a dire il vero, ne ha ricevuti tre alle “Giornate Professionali di Cinema di Sorrento”. Nel corso della manifestazione, dove sono stati consegnati i premi per i migliori incassi, sono andati a Checco Zalone i premi: “Biglietti d’oro” per il film “Sole a catinelle”, che ha raggiunto i 50 milioni di euro d’incassi; “Le chiavi d’oro”, come sceneggiatore del film; “premio speciale degli esercenti”.

A buon ragione, intervistato, ha detto semplicemente di sentirsi “come ubriaco”. Nel film, Zalone interpreta un venditore di elettrodomestici, che deve fare i conti con la crisi e non riesce a far fronte al caro vita e ai debiti con le finanziarie. Intanto le cose non vanno bene neppure a casa, viene lasciato dalla moglie e non mantiene mai le promesse fatte al figlio. Cercando per una volta nella sua vita di mantenere la parola data, l’uomo un po’ cialtrone, promette una vacanza da sogno a patto che il piccolo Nicolò ottenga bei voti a scuola.

“Sole a catinelle” è un nuovo di tipo di commedia all’italiana, che prova ad attingere dalla realtà la sua trama e cerca di raccontare storie divertenti e leggere senza però cadere in ciò che è scontato o volgare. Nei suoi film precedenti Zalone ha parlato di omosessualità e temi razziali e non sono mancate le polemiche per chi ha storto il naso verso battute poco corrette. Il comico durante la conferenza stampa di presentazione ha ironizzato sulla cosa dicendo di fare satira, parlando di questo nuovo film come lo specchio dei tempi che corrono tra crisi economica e sogni irrealizzabili, intanto ha promesso nei suoi prossimi lavori tante novità.

Da poco diventato papà per la prima volta, della piccola Gaia, proprio alla piccola è dedicata la canzone di chiusura del film e nonostante il successo, sempre con i piedi ben saldi a terra, ha deciso di continuare a vivere nel suo paese natale in Puglia.

[foto: www.lettera43.it]

 

 

 

 

Vi consigliamo anche