0 Shares 4 Views
00:00:00
13 Dec

Star Trek 3: Joe Cornish il regista sostituto di J.J. Abrams?

LaRedazione
4 novembre 2013
4 Views

Secondo diverse indiscrezioni, a raccogliere l’ingombrante eredità di J.J. Abrams nella direzione del terzo atto della saga di Star Trek sarà Joe Cornish, regista che ha saputo segnalarsi nel 2011 con un ottimo debutto, Attack the Block e che anche recentemente ha dato buone prove in incarichi di prestigio, come la redazione del soggetto di Le avventure di Tintin (Il segreto dell’Unicorno), oltre alla direzione di Ant Man, previsto in uscita per il prossimo anno.

Anche Deadline ha dato largo spazio alle voci, precisando però al contempo che sarebbe troppo presto per una decisione definitiva, anche in considerazione dei tempi tecnici previsti per la lavorazione, con la Paramount intenzionata ad iniziare nella prossima estate.

Il compito che attende il prescelto dalla produzione, non sarà comunque dei più facili. J. J. Abrams, infatti, grazie al primo atto di Star Trek e al suo seguito Into Darkness, ha calamitato sulla sua persona una vasta messe di consensi, sia da parte della critica specializzata che dal pubblico che ha premiato il suo sforzo al botteghino.

Uno sforzo che ha dato nuova linfa ad un franchise che dopo tanti anni necessitava di una nuova chiave interpretativa, spingendo la casa di produzione a fare tesoro del successo dei due episodi, mettendone in campo un terzo.

Il nuovo capitolo, però, contrariamente a quanto preventivato da Paramount, dovrà fare a meno di Abrams, il quale nel frattempo ha avuto l’incarico di guidare dietro la macchina da presa il settimo episodio di Star Wars, progetto che ha naturalmente messo in sottordine tutto il resto. La dolorosa rinuncia al regista newyorchese, ha avuto come logico corollario la ricerca di un degno sostituto, con il non meno ovvio risultato di far proliferare le voci al riguardo, una sorta di campagna promozionale a costo zero.

Una ricerca che sembra ora giunta finalmente a buon punto, con l’individuazione di Joe Cornish in qualità di figura ideale per dare un degno seguito all’opera di Abrams per il terzo atto di Star Trek.

Vi consigliamo anche