0 Shares 10 Views
00:00:00
12 Dec

Stupri e violenze sulle donne, cambiano le modalità

16 febbraio 2009
10 Views

Stupri e violenze sulle donne in aumento

In dieci anni, dal 1997 al 2007, le violenze sessuali sulle donne denunciate sono triplicate da 1582 a oltre 4500 casi l’anno e anche nel Lazio sono triplicate passando da 159 a 438 casi l’anno.

A parlare è il Presidente dell’Eures Fabio Piacenti secondo cui "per il 2008 la situazione sia la stessa del 2007, mentre nel 2009 assistiamo a casi di stupro o in branco o in strada ad opera di uno sconosciuto, fenomeno nuovo per qualità da non sottovalutare ma senza derive xenofobe".

Dunque "più che l’aspetto quantitativo, metterei in evidenza l’aspetto qualitativo, ovvero lo stupro in branco e in strada ad opera di uno sconosciuto".

Resta la triste realtà fotografata dall’Istat: delle 6 milioni e 743 mila donne tra 16 e 70 anni vittime di violenza fisica o sessuale nel corso della vita, il 69,7% degli stupri è opera del partner, il 17,4% di un conoscente e solo il 6,2% è stato opera di estranei.

"E’ indubbio che la famiglia resta il luogo privilegiato dove avviene la stragrande maggioranza dei casi di violenza sessuale",
riconosce Piacenti.

Ed aggiunge che "i casi di stupro in branco o in strada, forse anche perchè rimossi, sono quelli che generano nella gente forti sentimenti di paura e di insicurezza che il conflitto istituzionale tra il Governo e l’Opposizione, di certo, non contribuisce a diminuire, anzi genera confusione nell’opinione pubblica".

Vi consigliamo anche