0 Shares 15 Views
00:00:00
13 Dec

The Impossible, il film sullo tsunami esce in Italia. La recensione

31 gennaio 2013
15 Views

Arriva nei cinema italiani oggi, dopo essere uscito a metà gennaio negli Stati Uniti, The Impossible con Naomi Watts ed Ewan McGregor nei panni di una coppia che si è salvata miracolosamente dallo tsunami che nel 2004 colpì la Thailandia.

La pellicola è tratta dalla storia reale di Maria Belon, di suo marito e dei suoi tre figli ma per evitare che si personalizzasse troppo la scelta del regista Juan Antonio Bayona, lo stesso di The Orphanage, è stata di evitare qualsiasi riferimento alla nazionalità dei protagonisti (che parlano inglese, lingua praticamente internazionale) proprio perché la storia è universale e riguarda le migliaia di persone che la tragedia dello tsunami l'hano vissuta davvero.

Naomi Watts è Maria, dottoressa in "pausa di riflessione" che si è regalata una vacanza di Natale con il marito Henry (Ewan McGregor) e i tre figli in Thailandia ma la loro vacanza viene interrotta, nel bel mezzo dei festeggiamenti natalizi, la mattina del 26 dicembre proprio a causa della follia del mare.

La narrazione è lineare a livello temporale ma si sviluppa su piani diversi portando sullo schermo proprio un impossibile che diventa realtà, che sconquassa chi lo vive e chi ne assiste dal di fuori e lo vive soprattutto attraverso gli occhi di Lucas, un bravissimo Tom Holland nella parte del figlio maggiore di Maria ed Henry.

Passiamo da scene di sgomento e terrore, con l'acqua che prende il sopravvento e si accanisce sull'uomo e sulla stessa natura, a scene di sopravvivenza che mettono in luce le infinite possibilità dell'uomo e le possibilità dell'uomo di essere solidale con sé stesso e con gli altri nei momenti di bisogno.

L'enfasi è posta solo in apparenza sulla tragedia della famiglia perché in realtà si racconta una Storia universale, un momento drammatico per la civiltà in una forma realistica ma allo stesso tempo quasi documentaristica che consente allo spettatore di immedesimarsi in cio' che sta vedendo e, soprattutto, di non dimenticare quanto accaduto ma allo stesso tempo quanto l'uomo, posto di fronte alla necessità di sopravvivere, possa trovare la speranza e la forza di fermare il tempo e riappropriarsi di modi di fare che nella vita di tutti i giorni sfuggono.

Il trailer di The Impossible:

Vi consigliamo anche