0 Shares 11 Views
00:00:00
18 Dec

The Last Song, trailer e recensione

dgmag - 30 aprile 2010
30 aprile 2010
11 Views

Basato sull’ultimo romanzo di Nicholas Sparks, arriva oggi al cinema The Last Song di Julie Anne Robinson con Miley Cyrus e Greg Kinnear.

The Last Song è ambientato in una piccola cittadina sul mare, nel sud degli Stati Uniti, dove un padre (Greg Kinnear), che vive un rapporto conflittuale con la figlia adolescente (Miley Cyrus), ha la possibilità di trascorrere l’estate con lei, che però preferirebbe essere a casa propria a New York.

Lui tenta di riallacciare un rapporto con lei attraverso l’unica cosa che i due hanno in comune, la musica, in una storia che parla di famiglia, di amicizia, di segreti e di salvezza, oltre a raccontare di primi amori e alle seconde possibilità.

Il tema principale di The Last Song è il viaggio di un padre e di una figlia che si sono allontanati l’uno dall’altro e che ora stanno tentando di ritrovarsi; nello stesso momento il film esplora il territorio sconosciuto dell’amore giovanile, raccontando come Ronnie, una ragazza molto chiusa, inizia ad abbassare la guardia con un ragazzo (Liam Hemsworth) che incontra durante le vacanze estive.

Purtroppo però The Last Song non è affatto all’altezza delle aspettative e nonostante si faccia del tutto pur di far dimenticare il faccino sorridente di Miley Cyrus-Hannah Montana bastano circa 30 minuti per far sì che il sorriso a 100 denti della ragazzina torni a far capolino con tutta la sua forza contribuendo a rendere la pellicola il solito brodo già visto e rivisto.

Cui si aggiunge un uso estremo della lacrima e del pianto, cifra stilistica di quasi tutta la seconda parte del film e che non solo stanca ma a tratti infastidisce pesantemente.

Luoghi comuni, sceneggiatura ai limiti dell’imbarazzante, inespressività totale e un solo tratto distintivo: la noia che assale lo spettatore…

Il trailer di The Last Song:

Loading...

Vi consigliamo anche