0 Shares 20 Views
00:00:00
17 Dec

Torino Film Festival 2013: vince Club Sandwich, a Pif va il Premio del Pubblico

LaRedazione - 2 dicembre 2013
LaRedazione
2 dicembre 2013
20 Views
Torino Film Festival 2013: vince Club Sandwich a Pif va il Premio del Pubblico

Al Torino Film Fest, la giuria del messicano Arriaga premia il film del connazionale Fernando Eimbcke con Club Sandwich. Doppio riconoscimento per Pelo malo, mentre il pubblico vota l’italiano Pif con La mafia uccide solo d’estate.

Si è conclusa nella giornata di ieri la trentunesima edizione del Torino Film Festival 2013, che con il passare del tempo è diventato una delle più importanti kermesse cinematografiche in Europa.

Quest’anno la direzione artistica è stata affidata a Paolo Virzì, regista di film cult come “Ovosodo” e “Caterina va in città“, il quale ha saputo compiere un ottimo lavoro considerato l’incremento del 33% relativo agli introiti fatti registrare dalle proiezioni del film partecipanti al concorso.

La giornata di ieri, che ha chiuso ufficialmente la rassegna, ha proposto la replica delle pellicole più apprezzate quest’anno: su tutte, merita una menzione d’onore “Club Sandwich”, diretto dal regista messicano Fernando Eimbcke e che ha vinto il premio principale, quello per il miglior lungometraggio.

In sala è stato inoltre proiettato anche il film “2 automnes 3 hivers“, realizzato dal francese Sébastien Betbeder, che ha impressionato la critica al punto da aggiudicarsi il premio speciale assegnato dalla giuria. Gloria anche per la cineasta venezuelana Mariana Rondon, che con il film “Pelo malo” si è portata a casa il premio per la migliore sceneggiatura tra i film in concorso, e per una delle attrici che vi hanno preso parte, ossia Samantha Castillo, che si è vista premiare la sua magistrale interpretazione.

Il riconoscimento di miglior attore è andato, invece, al canadese Gabriel Arcand, protagonista del film “Le Démantèlement” diretto dal suo connazionale Sébastien Pilote. Anche l’Italia si aggiudica un premio grazie a Pif, che con il suo film-documentario “La mafia uccide solo d’estate” ha saputo letteralmente conquistare il pubblico.

La giuria internazionale ha deciso di premiare il film “A Spell To Ward Off The Darkness“, firmato da due registi (Ben Rivers e Ben Russell), che ha saputo abilmente collegare il cinema dei primi tempi con le tendenze di oggi, che vanno verso il documentaristico. “Stop The Pounding Heart” di Roberto Minervini ha saputo raccontare con un tocco delicato, a tratti poetico, le continue lotte che le piccole comunità che si trovano negli Stati Uniti sono costrette praticamente tutti i giorni per riuscire a tirare avanti e a guardare al futuro con ottimismo.

La giuria italiana ha premiato i film “I fantasmi di San Berillo“, “Wolf” e “Striplife“: quest’ultimo, in particolare, racconta la giornata tipica degli abitanti nei pressi della striscia di Gaza e le cui immagini sono in netto contrasto con quelle che si vedono fin troppo spesso sui telegiornali e che mostrano una terra letteralmente dilaniata dalla guerra e dall’odio.
Sul fronte dei cortometraggi, a vincere sono “Requiem”, diretto da Valentina Carnelutti (attrice apprezzata soprattutto nel film “La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana) e “No More Lonely Nights”. Infine, il premio Cipputi, assegnato da Altan, Luca Sofri e Diego “Zoro” Bianchi, è andato a “Portrait of a Lone Farmer“, che parla delle attuali difficoltà nel mondo del lavoro.

La trentunesima edizione del Torino Film Fest 2013 si conclude con la vittoria di Fernando Eimbcke con Club Sandwich per il miglior Film; Premio speciale della Giuria a 2 Automnes, 3 hivers di Sébastien Betbeder e al film-documentario La mafia uccide solo d’estate di Pif, va il Premio del Pubblico.

Loading...

Vi consigliamo anche