0 Shares 14 Views
00:00:00
18 Dec

Tradimento, un libro aiuta a capire se siamo a rischio

LaRedazione - 19 gennaio 2010
LaRedazione
19 gennaio 2010
14 Views

Corna o non corna? Meglio scoprirle o tenersele?

Un dilemma che può costarci la felicità.

Se qualcuno decidesse di scoprire se le ha o no, può fare affidamento sui metodi forniti in un libro appena uscito: Schifoso traditore, come riconoscere le tracce dell’infedeltà edito da 80144Edizioni.

Prima di iniziare a leggere è meglio però fare un chiarimento: ognuno vede il tradimento in modo personale, con i propri parametri.

C’è il tradimento mentale, quello virtuale, quello fatto di sguardi ecc…

Poi c’è il vero tradimento, che è quello consumato.

Secondo il libro, il fedifrago o la traditrice, ha un cambiamento repentino di gusti alimentari o l’improvvisa inappetenza di un mangione.

Ovviamente cambia il look: più curato, l’eccessiva baldanza verbale nasconde l’impossibilità di reggere vuoti e silenzi che potrebbero essere riempiti con domande scomode.

Se il vostro partner si interessa improvvisamente a campi che prima non considerava nemmeno, forse c’è qualcosa sotto: corsi lontani da casa, il cellulare spento in determinate ore perché è a lezione dovrebbero farvi rizzare le orecchie.

Il cellulare: amico e nemico. Troppo facile scoprire un tradimento con il cellulare. Ma è sempre meglio dare un’occhiata se si hanno sospetti: nella sezione messaggi e anche tra i nomi memorizzati. E non dimenticate le ultime chiamate effettuate e ricevute.

Attenti però se il vostro compagno fa un lavoro in cui viene a contatto con tanta gente: è probabile che voi non possiate conoscere tutti i fornitori o i colleghi.

I luoghi dove il tradimento meglio si sistema è l’ufficio, il 40% dei lavoratori dipendenti ha una relazione con un collega, segue la chat e poi palestra .

Il sospetto aiuta: diffidate dell’eccessiva cortesia, dell’eccessiva allegria, spesso sono coperture per il senso di colpa.

Ma se volete vivere felici, ignorate i segnali, o andate dritti al problema, dopo qualche sospetto fondato, più che affidarsi a un libro, non è meglio chiarirsi?

Loading...

Vi consigliamo anche