0 Shares 11 Views
00:00:00
16 Dec

Un’estate ai Caraibi, trailer e recensione

dgmag - 10 giugno 2009
10 giugno 2009
11 Views

Con l’arrivo dell’estate arriva sul grande schermo la commedia Un’estate ai Caraibi firmata da Enrico e Carlo Vanzina con Enrico Brignano, Carlo Buccirosso, Biagio Izzo, Martina Stella, Enrico Bertolino, Alena Seredova, Paolo Conticini, Paolo Ruffini, Sascha Zacharias e per la prima volta sullo schermo Jayde Nicole.
Partecipazione straordinaria anche per Maurizio Mattioli e Gigi Proietti.

Come tutte le pellicole di questo genere, anche Un’estate ai Caraibi è diviso in episodi.

Nel primo viene raccontata la storia di Roby (Carlo Buccirosso), un bancario meridionale, single, che lavora a Pavia ed è ipocondriaco al punto tale che ogni sei mesi va in ospedale, dal suo amico medico Giacomo (Enrico Bertolino), a farsi le analisi. All’improvviso una lastra ai polmoni segna la sua vita e Giacomo gli diagnostica appena un mese di vita ma le cose non stanno affatto così. Un ospedale hanno commesso un errore: la sua lastra è stata scambiata con quella di un centenario, oramai agli sgoccioli mentre lui è sano come un pesce. Giacomo si precipita a chiamare l’amico per dargli la bella notizia ma Roby in casa non c’è. In cucina solo un appunto: "Cose da fare prima di morire: andare ai Caraibi". Infatti Roby è ad Antigua, ai Caraibi. Visto che ha solo un mese di vita ha deciso di goderselo alla grande.

Vincenzo (Biagio Izzo) è un dentista napoletano, sposato con una donna
gelosissima che lo marca stretto; Vincenzo ha un’amante, la bellissima Anna (Alena Seredova), sua ex infermiera a studio ma non riesce mai a vederla. Ma il destino arriva in soccorso di Vincenzo quando, alla vigilia di un viaggio estivo a Miami per un congresso dentistico, dove Vincenzo, naturalmente, sarebbe stato accompagnato dalla moglie, la “signora” scivola sulla cera del pavimento di casa e si frattura una gamba. Vincenzo non si lascia sfuggire l’occasione, così chiama Anna e le annuncia trionfante che la porterà in vacanza con lui ai Caraibi ma quando Vincenzo e Anna arrivano nel più bell’albergo di Antigua, pregustandosi la loro prima vacanza insieme, trovano niente meno che i cognati di Vincenzo.

Angelo (Enrico Brignano) lavora come autista per un ricco e cafone palazzinaro romano, Remo (Maurizio Mattioli). In realtà, più che l’autista, Angelo è lo schiavo di Remo e lo fa perché guadagna bene. Ed essendo indebitato (ha contratto un mutuo pesante per comprare una casa dove vive con la madre e la zia) è costretto a subire tutte le angherie che Remo gli propina quotidianamente. Per fortuna è arrivata l’estate e Angelo sta per partire in vacanza. Finalmente si godrà tre settimane di pace e riposo in un villaggio vacanze in Croazia. Ma ha fatto i conti senza l’oste perchè l giorno prima di andare in ferie, Remo gli comunica che dovrà accompagnarlo ad Antigua, dove ha appena comprato, con dei guadagni truffaldini in Russia, una villa spettacolosa.

Max (Paolo Ruffini) lavora in una radio privata di Livorno e fa il disc jockey, in coppia con un simpatico coetaneo Tommy (Paolo Conticini). Max è fidanzato con Laura (Martina Stella), una giovane e bellissima commessa e proprio nel giorno del loro primo anniversario, Max scopre che Laura ha un altro e ha deciso di lasciarlo. Max decide così di comprare un biglietto last minute per i Caraibi. Per poco non sviene quando, una mattina, in spiaggia vede proprio Laura che è lì insieme al suo nuovo fidanzato Tommy, il suo migliore amico! Max, frenando la sua rabbia omicida, decide di vendicarsi. E per farlo si mette d‟accordo, pagandola, con la più bella ragazza dell’isola: Jennifer, una barista, che lui ha conosciuto quando lei ha vinto al villaggio il titolo di Miss Maglietta Bagnata. Già, perché le forme esplosive di Jennifer sono da copertina di Playboy.

Infine c’è Alberto (Gigi Proietti), un romano trapiantato ad Antigua che per sbarcare il lunario fa delle piccole truffe ai danni dei turisti di passaggio. Il suo compare è Morgan, un bambino di colore, orfano, con il quale Alberto divide una misera casetta in un quartiere di poveracci. Fingendosi prete, Alberto ha spedito lettere in Italia per far adottare a distanza degli orfanelli locali. Manda sempre la stessa foto, quella di Morgan; e qualche persona caritatevole risponde, adottando il bambino in cambio di pochi euro che i due compari intascano. Ma un bel giorno, ad Antigua arrivano due di questi genitori a distanza che  annunciano di voler conoscere Padre Miguel e soprattutto il loro figlio adottivo Morgan. Alla fine del loro soggiorno, i due propongono ad Alberto di portare il bambino con loro in Italia in cambio di una donazione alla
parrocchia di trecentomila euro.

Giudizio finale: tutto già visto, battute già sentite, "effetti" speciali assolutamente ridicoli, product placement esageratamente esagerato (Blackberry ringrazia sentitamente) e qualcosa che assomiglia alla brutta copia di una commedia all’italiana.

Sicuramente sarà un successo in sala
con tanto di nota di colore: in un cammeo fa la sua apparizione anche il sosia di Silvio Berlusconi…

Un’estate ai Caraibi, trailer:

Loading...

Vi consigliamo anche