0 Shares 8 Views
00:00:00
16 Dec

Valentino The Last Emperor, un docu-film che annoia

La Redazione - 17 novembre 2009
La Redazione
17 novembre 2009
8 Views

Valentino The Last Emperor, diretto da Matt Tyrnauer, arriva nelle sale il 20 novembre su distribuzione Medusa Film.

Valentino The Last Emperor è stato presentato ai festival di Venezia e di Toronto nel 2008 e subito dopo è uscito nelle sale cinematografiche americane dove gli spettatori si sono messi in coda e hanno affollato i cinema registrando record di incassi e facendo di Valentino The Last Emperor il docu-film più visto negli States.

Valentino The Last Emperor racconta la vita professionale e privata di Valentino Garavani e del suo storico socio Giancarlo Giammetti, tra eventi pubblici e privati nei quali appaiono anche celebrities del mondo del cinema e della moda tra cui Gwyneth Paltrow, Claudia Shiffer, Eva Erzigova, Elizabeth Hurley e molti altri.

E il film è proprio il racconto del sodalizio tra Valentino e Giammetti seguiti per un intero anno nel 2007 e Valentino, alla presentazione romana per la stampa, ha dichiarato: "in fondo sono felice di non essere più in quel mondo, perché non potrei più esprimermi come prima. Oggi mi occupo della mostra a me dedicata, che verrà presentata anche al Louvre, e ho disegnato i costumi per il balletto che si terrà all’Opera di Vienna il prossimo primo gennaio. Avevo in progetto anche di disegnare i costumi per la Traviata al Bolshoi di Mosca: stavamo firmando il contratto ma a causa della recessione è stata cancellata. Avevamo chiamato anche Dante Ferretti per le scenografie: speriamo si possa fare più in là. Per ora desidero solo viaggiare, vedere mostre, andare a teatro e fare quello che non ho potuto fare durante i miei 45 anni di carriera".

Nel complesso Valentino The Last Emperor sarà distribuito in pochissime sale italiane nonostante il grande successo raggiunto in America che potrebbe proiettare il docu-film di Tyrnauer nell’olimpo degli Oscar: a torto o a ragione, dipende tutto dalla sensibilità individuale e di un popolo.

Per noi italiani, che viviamo di moda e cinema, The Last Emperor è un film già visto, già scritto e soprattutto non eccezionale: la voglia di consacrare un’icona della moda internazionale fa dimenticare che il cinema vive di intelligenze e star ma deve sempre tentare di fornire una risposta ai quid che racconta.

E, in questo caso, non esiste nè un perchè nè un mpotivo da spiegare: basta raccontare. Ma non a tutti il racconto fine a sè stesso, iconizzato e stilizzato, piace.

Loading...

Vi consigliamo anche