0 Shares 13 Views
00:00:00
11 Dec

Venezia ’70: Gianni Amelio in concorso con ‘L’intrepido’

LaRedazione
21 agosto 2013
13 Views

Gianni Amelio sarà in concorso alla settantesima edizione del Festival del Cinema di Venezia con il suo nuovo film, intitolato ‘L’intrepido’. Il regista calabrese, che all’inizio degli anni novanta ha vissuto la sua consacrazione al grande pubblico grazie a film come ‘Il ladro di bambini’ e ‘Lamerica’, arriverà alla nuova edizione della rassegna sul Lido con un film che vuole essere uno spaccato dell’Italia dei giorni nostri.

La crisi del lavoro, dell’economia e dell’identità del singolo è al centro dell’opera che vede come attore protagonista Antonio Albanese, ovvero ‘L’intrepido’ del titolo. Nel film Albanese è un disoccupato che per sbarcare il lunario sostituisce chiunque abbia bisogno di assentarsi dal posto di lavoro, qualunque sia l’occupazione nella quale viene a verificarsi un ‘buco’ che il protagonista può tappare. Albanese dunque si ritrova di volta in volta muratore, cameriere, impiegato oppure operaio, raffrontandosi con uno spaccato di umanità sempre diversa, ma con la precarietà della sua vita e in generale del mondo del lavoro attuale sempre in sottofondo, e vivendo sempre con la paura di essere scoperto. Un modo di entrare nei lavori ma anche nelle vite degli altri che farà sentire sempre più spaesato il protagonista. Sarà proprio la sua capacità di adattarsi a tutte le situazioni a non arrendersi mai a permettergli di andare avanti, di continuare a sperare in un futuro migliore ed andare incontro ad un destino meno opprimente rispetto a quello che al momento si trova a vivere.

Un messaggio di speranza che sembra voler arrivare anche a tutti coloro che in questo momento si trovano profondamente coinvolti nella crisi del mondo del lavoro, e che potrebbero dunque perdere la voglia di lottare di fronte ad una società che non riesce a rispondere ai loro quesiti e alle loro esigenze. Secondo lo stesso regista Gianni Amelio, che ha parlato a margine della ormai prossima uscita del film, è proprio il fondo di speranza che Antonio Pane, il personaggio protagonista interpretato da Antonio Albanese nella pellicola, riesce a trasmettere a voler essere la morale centrale della storia. Secondo Amelio, la presenza di un film come ‘L’intrepido’ a Venezia in un momento storico e sociale come quello attuale che sta attraversando l’Italia, è un segnale molto importante che vuole testimoniare la vicinanza dell’ambiente artistico italiano ai milioni di persone che ogni giorno devono faticare per far quadrare i conti, e riuscire a far andare avanti la famiglia e la casa. Il film è stato prodotto in collaborazione con Rai Cinema dalla casa di produzione Palomar, ed uscirà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo cinque settembre.

Vi consigliamo anche