3 Shares 17 Views
00:00:00
13 Dec

Lady Gaga si allena nuda tra i boschi con Marina Abramovic

LaRedazione
8 agosto 2013
3 Shares 17 Views

Lady Gaga, ancora una volta nuda. Forse per un nuovo, trasgressivo video? Niente affatto. La pop-star è diventata una seguace dell’artista serba Marina Abramovich, autrice di uno speciale metodo di meditazione, detto Performance Art e finalizzato al risveglio della consapevolezza fisica e mentale. Gli esercizi “contemplativi” del metodo Abramovich sembrano aver conquistato la cantante, tanto da indurla a seguire la “maestra” in un ritiro di tre giorni nei boschi dello stato di New York. Qui, a strettissimo contatto con la natura, le due donne hanno vissuto in completo isolamento dal mondo dedicandosi esclusivamente a questa particolare pratica meditativa, documentata da un video molto dettagliato. Nel video in questione, una Lady Gaga inedita, completamente nuda, viene ripresa mentre fa esercizio all’aria aperta o si rilassa ad occhi chiusi, in una sorta di “trance”, all’interno di una stanza vuota.

La stanza ha i pavimenti e le pareti in legno naturale, in soluzione di continuità con l’ambiente esterno; attraverso una grande vetrata è ben visibile il bosco circostante. Il contatto con la natura sembra quindi avere un’ importanza fondamentale nel “metodo Abramovich”, molto probabilmente perchè aiuta il soggetto a recuperare il legame con la sua più autentica essenza. Anche le pose assunte da Lady Gaga durante gli esercizi sembrano improntate a questa stessa filosofia: in una delle immagini, addirittura, la pop star è in posizione fetale, abbracciata ad una specie di grosso cristallo. Nell’ottica di questo “risveglio della consapevolezza”, anche la nudità acquista un senso “mistico” e catartico. Ma cosa ne pensano i fans di “Mother Monster”? Le reazioni del pubblico alla visione di questo video, in realtà, sono state molto contrastanti.

All’entusiasmo di chi ha trovato fantastico il sostegno offerto dalla cantante alla “Performance Art”, si sono opposte le inevitabili critiche dei detrattori. Del resto, Marina Abramovich è un’artista che ha sempre fatto discutere, fin dai tempi in cui, al MoMa di New York, restò per oltre due mesi seduta al centro di una sala nella più completa immobilità. Ai visitatori che si recavano a vederla era consentito solo sedersi a guardarla. Era severamente vietato rivolgerle la parola o toccarla: l’unica possibilità di “interazione” era rappresentata dallo sguardo. In quell’occasione, molti partecipanti raccontarono di aver vissuto un’esperienza emotiva di grande profondità. Sarà stata la risonanza di questa particolare formula espressiva ad incuriosire Lady Gaga, stimolandola a sperimentare gli esercizi della Abramovich? Che sia autentico interesse o trovata pubblicitaria, una cosa è certa: l’icona più trasgressiva del momento è riuscita ancora una volta a far parlare di sè.

Vi consigliamo anche