0 Shares 8 Views
00:00:00
13 Dec

Manifesto 100×100: il Futurismo al Palazzo Reale di Napoli

LaRedazione
3 settembre 2009
8 Views

Inaugurata oggi nella tappa di Napoli, la mostra curata da Achille Bonito Oliva e intitolata “Manifesto 100×100” e dedicata al mezzo manifesto all’epoca del Futurismo.

Dopo il vernissage romano presso gli spazi del Macro Testaccio di Roma, la mostra avanza in terra campana arricchendosi tra l’altro di documenti relativi  al Futurismo napoletano tratti dalle pubblicazioni della rivista piedigrottesca edita Bideri “La Tavola Rotonda”.

Era il 14 febbraio del 1909 quando anticipando di ben sette giorni il Le Figaro parigino, la succitata rivista pubblicò il Manifesto futurista di Marinetti.

A cento anni dalla comparsa del Manifesto di fondazione del Futurismo, Achille Bonito Oliva,noto curatore e critico d’arte che certamente non ha bisogno di presentazioni, propone una ricca esposizione di ben 100 manifesti originali, accompagnati da video che raccolgono assieme slogan dell’epoca e registrazioni di rumori, musiche, suoni e parlato.

Lo scopo è quello di riflettere sull’imptto comunicativo e creativo di questo media così in voga agli inizi del 900.

Fino al tre di novembre il Palazzo Reale di Piazza Plebiscito sarà cassa di risonanza di quel movimento artistico che della guerra, della velocità e della macchina aveva fatto l’archè dell’arte, predicando che “Non v’è più bellezza se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro”, citando Marinetti.

Vi consigliamo anche