0 Shares 8 Views
00:00:00
17 Dec

Maxxi di Roma: l’arte contemporanea diventa glamour

dgmag - 13 novembre 2009
13 novembre 2009
8 Views

Dopo dieci anni di lavori il Maxxi, il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, apre finalmente a Roma.

Il progetto di uno dei musei di arte contemporanea più grandi al mondo ideato dell’architetto Zaha Hadid è costato 150 milioni di euro ed è riuscito a ricevere il favore di sei governi diversi.

Il Maxxi comincerà a funzionare a pieno regime dalla primavera del 2010 e il filo conduttore di tutto sarà non solo l’arte contemporanea ma tutto ciò che, in qualche maniera, porà stimolare la fantasia e la creatività.

Anche perchè, a guardare la navicella spaziale inaugurata a Roma, si ha davvero l’impressione che già l’edificio, da solo, sia un’opera d’arte e dunque si può solo immaginare cosa potrà accadere al suo interno, quando la ruota girerà a 360 gradi.

Il Maxxi è il primo museo pubblico nazionale dedicato alla creatività contemporanea e al suo interno ospita due istituzioni: Maxxi Arte e Maxxi Architettura.

Fanno parte della collezione del Maxxi Arte oltre 350 opere, tra cui quelle di Boetti, Clemente, Kapoor, Kentridge, Merz, Penone, Pintaldi, Richter, Warhol e molti altri di altrettanto rilievo.

Il Maxxi Architettura comprende invece gli archivi dei disegni di Carlo Scarpa, Aldo Rossi, Pierluigi Nervi ed altri, oltre ai progetti di autori contemporanei come Toyo Ito, Italo Rota e Giancarlo De Carlo, e alle collezioni di fotografia di autori tra cui Basilico, Barbieri, Jodice, Guidi.

Nei suoi circa 27.000 mq il Maxxi ospita un auditorium, una biblioteca e una mediateca specializzate, il bookshop, una caffetteria e un bar/ristorante, gallerie per esposizioni temporanee, performances, progetti formativi.

Chi non vuole aspettare la primavera 2010 per visitare il MAxxi, può approfittare dell’apertura straordinaria prevista per il week end in occasione di Dialoge 09-MAXXI che prevede un’installazione coreografica di Sasha Waltz prodotta dalla Fondazione Maxxi e organizzata da RomaEuropa Festival.

Tutte le informazioni sul sito ufficiale a questo indirizzo.

Loading...

Vi consigliamo anche