0 Shares 5 Views
00:00:00
12 Dec

Il Decameron in 100 tweet per i 700 anni dalla nascita di Boccaccio

LaRedazione
1 agosto 2013
5 Views

Questo è quello che avrà pensato la società Dante Alighieri che ha immediatamente organizzato un concorso a riguardo: il Decameron in 100 tweet. Dal primo agosto sarà infatti possibile inserire, negli appositi spazi social della Dante Alighieri, due twoosh, ovvero 2 tweet di 140 caratteri esatti, al giorno. Tale concorso avrà la durata di cento giorni(quale durata migliore per un concorso sul Decameron) , in cui gli appassionati di letteratura, nonché abituali frequentatori dei social network, daranno vita ad una battaglia poetica a colpi di tweet. Nel mese di Novembre poi, la stessa società Dante Alighieri provvederà alla premiazione dei vincitori di questo particolare ed originale concorso.

Che la passione per la letteratura, almeno per il momento, sia un punto fermo di moltissimi frequentatori dei social network, è cosa nota. Basta navigare per le sconfinate praterie virtuali di Tweetter o di Facebook per rendersi conto di come, la letteratura, specialmente quella di livello, venga tutt’oggi ampiamente apprezzata. Proprio basandosi su questa convinzione la Dante Alighieri ha dato vita a questa originale iniziativa in onore di uno dei fondatori della lingua italiana. I twoosh in questione, scritti dai partecipanti, verranno pubblicati sulla newsletter della Alighieri. Chi fosse interessato al concorso dovrà però provvedere ad accreditarsi al link www.ladante.it/madrelettera. Al termine del concorso, come detto, saranno premiate le versioni migliori, ovvero quelle più originali, che abbiano magari ricevuto il maggior numero di retweet o di like. I premi in questione, giusto per rimanere in tema, saranno dei dizionari Devoto-Oli, oltre alle tessere, del 2014, della società organizzatrice Dante Alighieri.

La domanda è: in questa società frenetica ed informatizzata, la riproposizione, seppur rivisitata, di un opera come il Decameron, può davvero avvenire a colpi di tweet? Certo è che, a prescindere dai risultati di questo concorso, non si può che plaudere ad iniziative del genere, che servono a rendere omaggio a poeti come Boccaccio. A sentire il Segretario Generale della società, Alessandro Masi, la Dante, proponendo il riassunto di un opera storica come il Decameron in 14.000 caratteri, cerca di stare al passo con i tempi, diventando quasi una “Dante 2.0.” che in quanto tale, non può che essere attratta e legata a doppio filo con i social network. Proprio per questo non stupirebbe forse più di tanto se, il Decameron in 100 tweet, organizzato per il settecentesimo compleanno di Boccaccio, fosse soltanto la prima di una delle tante iniziative social della Dante Alighieri.

Vi consigliamo anche