A Milano la fiera del libro antico

Torna a Milano, dal 16 al 18 marzo 2007, a Palazzo della Permanente, il tradizionale appuntamento con la Mostra del Libro Antico, considerata la più prestigiosa rassegna internazionale, giunta quest’anno alla XVIII edizione.

Manoscritti miniati, libri d’Ore, mappe, legature e rarità editoriali del nostro secolo saranno presentati da librerie antiquarie italiane, europee e americane ad un pubblico di appassionati, bibliofili, persone del mondo della cultura o semplici visitatori.

Interessante la sezione dedicata agli incunaboli, i documenti stampati con la tecnologia dei caratteri mobili e realizzati tra la metà del XV secolo e l’anno 1500; si potranno ammirare il Libro d’Ore, compendio di salmi, inni, versetti e letture, diffusi tra il XIV e il XV secolo, miniato nei pressi di Bourges alla metà del Quattrocento, con 13 illustrazioni a piena pagina raffiguranti soggetti sacri e il Breviarium Romanum, libretto liturgico destinato ai monasteri, ornato con capilettera miniati, stampato a Venezia nel 1478 in 45 esemplari.

Sarà poi possibile ammirare la prima edizione della Le vite dei più eccellenti architetti, pittori et scultori italiani del Vasari mentre nella sezione dedicata a Seicento e Settecento si segnala l’edizione originale delle Fables choisies di Jean de La Fontaine, in sei volumi con legatura del tempo impreziositi da 118 vignette in bianco e nero.

Oltre ai libri è presente anche un catalogo di carte decorate settecentesche e la prima tiratura della traduzione di Ugo Foscolo della Relation de la bataille de Marengo, che comprende firma e annotazioni del poeta e la lettera autografata da Napoleone Bonaparte.

Altra rarità è la editio princeps delle Aventures d’Alice au pays des merveilles di Lewis Carrol.

Sarà presente anche un catalogo che raccoglie autografi di artisti e letterati come Giovanni Verga, Luigi Capuana, Luigi Pirandello, Salvatore Quasimodo, Renato Guttuso e Elio Vittorini.

La Mostra del Libro Antico ospita quest’anno anche un’importante Collezione Galileiana e tra le opere esposte spiccano l’esemplare del Dialogo sopra i due Massimi Sistemi del Mondo e una copia della Lettera di Galileo Galilei in giustificazione della sua sentenza intorno al preteso moto della terra, alla Ser.ma Christina di Lorena Gran Duchessa Madre.

Sul sito della manifestazione, raggiungibile da qui, è possibile avere tutte le informazioni utili.