0 Shares 10 Views
00:00:00
18 Dec

Salone del libro di Torino: la 26esima edizione al via da domani

Lea Stazi - 15 maggio 2013
15 maggio 2013
10 Views

Da domani, 16 maggio 2013, e per i quattro giorni successivi, Torino profumerà dell’odore della carta stampata! Inizia la 26esima edizione del Salone del libro di Torino che avrà come slogan: Dove osano le idee”. Tra incotri, laboratori, lezioni e premiazioni verranno presentate le soluzioni anticrisi che arrivano direttamente dal regno della carta.

Ernesto Ferrero, il direttore della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, è stato molto chiaro a riguardo: “Non sarà il Salone del pianto, delle ceneri, dei lamenti e delle deprecazioni, la crisi del Lingotto non si vedrà”. Parole forti e legate soprattutto ai fatti di Cronaca politica che hanno portato ad un duro confronto tra Ferrero e Beppe Grillo. In seguito agli eventi che hanno evidenziato un’aura negativa intorno al Movimento 5 Stelle, il direttore aveva infatti dichiarato: “Noi non ospitiamo i comizi di pifferai, burattinai e tenutari di sette”; così Beppe Grillo non sarà, come lo sarebbe stato da programma, ospite del Salone. Altra figura che sarà assente, tra i numerosi ospiti, è proprio quella di Giorgio Napolitano che, per i motivi che stanno sconvolgendo il panorama italiano sarà obbligatoriamente assente.

Non è di certo una novità quella di scegliere temi attuali legati soprattutto alla politica e all’economia; ma in questa edizione concetti come: democrazia, lavoro, bene comune saranno affrontati in una maniera particolarmente approfondita.

Il 16 maggio si partirà con la lectio magistralis di Mario Draghi e, tra gli altri, vedremo personaggi come: Umberto Eco, Bill Emmott, Vincenzo Cerami, Giuliano Amato. Ci sarà anche spazio per la grande disputa tra eutanasia, etica e religione. Il sabato potremo assistere all’intervento a cura di Bompiani riguardo proprio a questo tema, dove avrà luogo il dibattito tra il non credente Umberto Veronesi e il filoso credente Giovanni Reale con la partecipazione di Ferruccio de Bortoli.

Non poteva mancare la discussione riguardo ad un problema che sta ferendo gran parte del popolo italiano: il femminicidio e la violenza sulle donne, in occasione della quale Serena Dandini, autrice dello spettacolo: Ferite a morte, presenterà una serie di monologhi interpretati da figure come: Daria Bignardi, Concita de Gregorio, Lella Costa, Maura Misti e Chiara Gambareale.

Non dobbiamo dimenticare le figure internazionali: il paese ospite di questa edizione sarà il Cile, rappresentato dal famoso scrittore Louis Sepuvelda.

Sono appuntamenti da non perdere per immergersi nella cultura nazionale e d’oltralpe e, soprattutto, per sconfinare in realtà di cui ancora, difficilmente, riusciamo a prendere consapevolezza.

Lea Stazi

Loading...

Vi consigliamo anche