0 Shares 7 Views
00:00:00
14 Dec

Esco presto la mattina di Massimo Cacciapuoti

2 marzo 2009
7 Views

Andrea Dell’Arti ha trentacinque anni ma ne dimostra meno di trenta. E soprattutto ha una fortuna sfacciata: non quella di chi vince al Superenalotto o a poker, o trova un sacchetto pieno di euro davanti al bancomat.

No, è solo che, giorno dopo giorno, la vita sta esaudendo tutti i suoi desideri: l’amore e la famiglia, il lavoro e le aspirazioni creative.

Insomma, tutto quello che gli italiani della sua età in genere hanno già smesso di desiderare. Ad Andrea, invece, va tutto bene, senza troppa fatica. Persino sua suocera lo adora.

E tutto questo accade, per di più, in una città corrotta e malata, e negli ambienti più difficili. Contro ogni logica, al di là di ogni merito.

Andrea non ha niente di diverso dai suoi amici e coetanei, solo che si trova sempre al posto giusto nel momento giusto: perché ogni volta c’è qualcuno che ha bisogno di un ragazzo brillante (ma non troppo), volonteroso (ma non troppo), ambizioso (ma non troppo), idealista (ma non troppo).

Come uno novello Candide, questo pavido eroe del nostro tempo attraversa il nostro scalcagnato inferno contemporaneo. Esco presto la mattina è una godibile satira, che non risparmia la politica e la letteratura, la famiglia e il cinema, per farceli vedere così come sono.

Esco presto la mattina è un romanzo godibile per riscoprire che anche nelle piccole cose si nasconde la felicità.

Loading...

Vi consigliamo anche