1 Shares 10 Views 1 Comments
00:00:00
17 Dec

Fanculo amore di Pier Francesco Grasselli

LaRedazione - 25 marzo 2009
LaRedazione
25 marzo 2009
1 Shares 10 Views 1

Fanculo amore, grida Pier Francesco Grasselli, e lo ripete anche il suo personaggio, Francesco, che di amore ne ha abbastanza.

Da piccolo, Francesco, imbranato e cretino com’era, non conosceva il significato della parola sesso. Non sapeva come nascono i bambini ed era convinto che l’ombelico fosse quello che nella realtà è l’utero. 

Al liceo, sentiva i suoi compagni parlare di figa e di seghe, ma lui segaiolo ci era diventato tardi. E poi?

E poi Sabrina. Quellla dal sedere perfetto, quella per cui tutti gli uomini perderebbero la testa, quella per cui Francesco, all’età di ventisei anni, perde completamente la testa. Ma Sabrina di Francesco non ne vuole sapere e sa come onorare il detto in amore vince chi fugge. In tutti i sensi.

Sabrina fugge, ma Francesco la segue ovunque, la coreggia spietatamente, se ne innamora perdutamente. E’ geloso, ossessivo, quasi maniacale. Vince la battaglia però, e Sabrina si innamora di quel cretino tardo-segaiolo che sembrava non avesse speranze.

E’ a questo punto che (incredibile ma vero!) il sesso diventa un problema...

Mentre Francesco insegue il suo sogno di diventare scrittore e si dà da fare per diventare giornalista, con la testa tra le nuvole e il cuore impegnato, cercherà di scoprire qual’è la fonte di questa vergogna e di risolvere la questione nel migliore dei modi.

Brillante e divertente, Pier Francesco Grasselli ridicolizza l’innamoramento e dimostra di saper prendere la vita, e l’amore, con la giusta ironia.

Loading...

Vi consigliamo anche