Il Gioco dell’Angelo, di Carlos Ruiz Zafòn

Se avete letto L‘Ombra del Vento e ne siete rimasti affascinati, è giunta l’ora di passare al secondo bellissimo romanzo di Carlos Ruiz Zafòn, Il Gioco dell’Angelo.

Il protagonista, David Martìn, ha avuto un’infanzia tormentata.

Sua madre lo ha lasciato solo con il padre, reduce dalla guerra delle Filippine e completamente distrutto dalla mancanza di aspirazioni. Ma David ha da sempre una passione che lo rende schiavo più di qualsiasi droga e che gli permette di sopravvivere a quel triste destino: la lettura. 

David perderà il padre assassinato da due pistoleri, probabili usurai, e vivrà nella tipografia della redazione in cui il padre lavorava come sorvegliante. Crescerà leggendo e conoscerà uno dei più grandi scrittori della città, Pedro Vidal, che lo prenderà sotto la sua ala protettiva e gli permetterà di diventare redattore e, in seguito, scrittore.

La storia di David ruota attorno ai suoi stessi racconti, I Misteri di Barcellona, che lo porteranno ad incontrare (o a sognare?) la protagonista da lui ideata, un’affascinante vampira di nome Chloé.

Anche questa volta la storia si svolge in quel di Barcellona, che Zafòn avvolge nuovamente in una nube di mistero.  E anche questa volta i protagonisti sono un giovane ragazzo, una libreria e un libro.

Il Gioco dell’Angelo è una lettura straordinaria dalla quale difficilmente qualcuno avrà voglia di riemergere.