Io so tutto di lei di Lucia Tilde Ingrosso

Milano, aprile. Adalberto Riccardi, odioso e odiato direttore di un quotidiano, è sposato in seconde nozze con la bella e famosa Alina Malavasi che viene misteriosamente strangolata nel suo attico nel cuore di Milano.

Il passato della vittima è costellato di nemici, tutti potenziali omicidi.

Come l’ex marito modello, un amore finito male. Molto male. Come la collega più giovane a cui Alina ha sempre ostacolato la carriera. Come l’ex moglie di Adalberto, nobile romana, madre di un adolescente irrequieto. Come quel fan che sa tutto di lei. Che i criminologi chiamano "stalker".

Mentre l’ispettore Sebastiano Rizzo, con l’aiuto del fido De Carlo, indaga sul passato di Alina, è il suo stesso passato che comincia a perseguitarlo. Rizzo riceve telefonate anonime sulla morte di suo padre, avvenuta in servizio venticinque anni prima.

Un’indagine pubblica e una privata sono i bandoli di una matassa che sembra inestricabile. Un finale assolutamente inaspettato porterà Sebastiano Rizzo a riflettere sul senso più profondo della giustizia. Umana e divina.

Mentre, inesorabilmente, aprile si conferma il mese più crudele…

Lucia Tilde Ingrosso vive a Milano, dove lavora come giornalista per Millionaire. La morte fa notizia, il suo primo giallo, è stato finalista al Premio Scerbanenco.