0 Shares 10 Views
00:00:00
13 Dec

La sposa bambina di Viswanathan Padma

18 maggio 2009
10 Views

Villaggio di Cholapatti, India, 1896: nella camera tutto è pronto per la prima notte di nozze. La piccola Sivakami siede sul letto. Fuori della porta ha lasciato i giochi, i sogni, le fantasie. Ha lo sguardo pieno di paura e sta tremando sotto il sari e i gioielli.

Ha solo tredici anni quando sposa Hanumarathnam, guaritore ed esperto di oroscopi. Così hanno deciso i suoi genitori, e lei non può fare niente per impedirlo. Da questo momento in poi nessuno si occuperà più di lei, ma sarà lei a prendersi cura degli altri, prima come moglie, sempre attenta a compiacere ogni desiderio del marito, e poi come madre dell’enigmatica Thangam e del ribelle Vairum.

Ma la forza che Sivakami ha nutrito e scoperto in sé nei primi anni di matrimonio forse non è abbastanza per affrontare quello che gli oroscopi avevano previsto con ostinazione: la morte di Hanumarathnam. Ora Sivakami è vedova, la condizione peggiore per la casta brahmanica di cui fa parte.

Da adesso in poi deve rispettare le rigide regole che il suo stato le impone: tenere i capelli tagliati a zero, indossare il sari bianco, non uscire di casa, non avere alcun rapporto con il sesso maschile e non toccare nessuno dall’alba al tramonto, neanche i suoi figli.

Crescerli, farli studiare, offrire loro una vita migliore pare impossibile in questa condizione. In bilico tra i conflitti inconciliabili della tradizione e la modernità che incalza giorno dopo giorno, Sivakami dovrà scegliere.

Sarà l’amore incondizionato di madre a spingerla ad agire e a prendere una decisione drastica, che influenzerà il destino di tutti loro in maniera sorprendente e inaspettata.

Un debutto superbo, orchestrato con mirabile maestria, che segna la nascita di una grande scrittrice.

Sullo sfondo dei sessant’anni più importanti e determinanti di tutta la storia dell’India, La sposa bambina racconta una storia di tradizione e di ribellione, di speranza e di forza, di amore e sofferenza, conducendo il lettore all’interno dei costumi una famiglia brahmanica ma anche evocando le tensioni universali comuni a tutte le differenze generazionali.

Vi consigliamo anche