0 Shares 7 Views
00:00:00
11 Dec

Turismo di Nirpal Singh Dhaliwal

18 gennaio 2008
7 Views

"Sono solo un turista… Mi limito a guardare il paesaggio": questo è Bhupinder Singh Johal, o almeno questa è la definizione che lui dà di se stesso, della sua vita londinese, del suo tentativo di uscire dagli squallidi sobborghi di Southall per entrare nell’alta società dell’era Blair.

Immigrato di seconda generazione Bhupinder detto Puppy, non ancora trentenne, si lascia alle spalle il tradizionalismo sikh della famiglia di origine, con i suoi valori irrigiditi e i suoi matrimoni combinati, per immergersi nel variegato mosaico di una Londra in fibrillazione, con una disinvoltura che sfiora spesso il cinismo e l’indifferenza.

Terrorizzato dalla mediocrità, quasi indifeso nei sentimenti, Bhupinder non riesce a esprimersi se non tramite il filtro perverso di un linguaggio crudo e di una sessualità esibita.

Nella sua esistenza nomade da turista londinese, si dà al sesso con la modella Sophie e si strugge di un amore disperato per la sensuale, ricca e irraggiungibile Sarupa; frequenta le feste e i locali glamour con l’amico omosessuale Rory e l’alcolizzato Luca.

Il suo è un viaggio sempre in bilico tra percorso di formazione, scalata sociale e rischio di perdizione, dove i rapporti umani sono subordinati alla logica dello sfruttamento e del consumo.

Un cocktail incendiario che finirà per esplodere, cambiando per sempre lui e quanti gli sono vicini.

Nirpal Singh Dhaliwal è nato a Greenford nel 1974 da genitori immigrati dal Punjab e vive a Hackney, Londra. Giornalista freelance, collabora con il Times, il Guardian, l’Evening Standard e ha lavorato alla BBC, che ha lasciato nel 2000 per dedicarsi a tempo pieno alla narrativa.

Vi consigliamo anche