Un mondo quasi perfetto di Luigi Pelazza

E’ uscito ieri, edito dalla Casa Editrice ZERO91, Un mondo quasi perfetto di Luigi Pelazza, la Iena di Italia 1 che si racconta attraverso alcuni servizi realizzati nel corso di questi ultimi anni.

In questo libro d’inchieste, Luigi Pelazza traccia il percorso accidentato dei mali universali di questo Mondo quasi perfetto.

Diamanti insanguinati, Clandestini, Zingari, Racket delle Bare e Pedofilia sono solo alcuni temi che ricompongono l’eterna tensione tra il bene e il male che l’autore propone attraverso l’esperienza del suo lavoro in prima linea.

Dietro ogni indagine ci sono vite in pericolo, c’è un disagio atavico o solo un modo di affrontare la quotidianità che continua irrimediabilmente a gravitare intorno al denaro.

Come si può raccontare la storia di quei bambini del Congo ripudiati e troppo spesso uccisi dai genitori perché una superstizione locale o uno stregone corrotto ha visto in loro il demonio?

L’autore non si ferma alla fotografia del male, il suo istinto e la sua coscienza gli impongono di scavare nella vita e nelle motivazioni di ogni stato del mondo o di ogni regione italiana. Certo, quando ci si spinge troppo alla ricerca di un racconto obiettivo, a volte si rischia la vita. E capita anche che il cronista possa entrare nel mirino della camorra che lo ha già condannato.

In questo Mondo quasi perfetto si segue però l’esempio del coraggio e, a volte, dell’incoscienza.

Luigi Pelazza è nato a Torino nel 1969 e vive a Vigone (TO); dopo aver militato nell’Arma dei Carabinieri, si trasferisce in Sardegna dove conduce, su una emittente regionale, il programma di denuncia I Rompiscatole. Nel 2002 approda alle Iene su Italia Uno come inviato e autore di quelle inchieste giornalistiche che lo hanno fatto conoscere e amare dal grande pubblico.

Un servizio di Luigi Pelazza a Le Iene: