Una festa di compleanno di Panos Karnezis

Nel Mar Egeo, su un’isola privata a poche miglia dal continente, fervono i preparativi per una festa di compleanno; Marco Timoleon, anziano armatore ormai al tramonto, in cui è possibile riconoscere la figura di Aristotele Onassis, soprintende all’organizzazione sin nei minimi dettagli.

Ma i cibi raffinati, l’orchestra di grido e il parterre esclusivo di ospiti con cui il magnate si prepara a festeggiare i venticinque anni della secondogenita Sofia non sono che un costoso pretesto per trovarsi faccia a faccia con lei, quella figlia così ribelle e insieme così simile a lui, e risolvere a suo modo una questione che, oltre a metterlo in grave imbarazzo, potrebbe rompere il rapporto profondo che li unisce da sempre.

E mentre osserva l’isola riempirsi e la sua messinscena prendere corpo, ogni boccata del suo sigaro, ogni sorso del suo whisky lo trascinano indietro nel tempo, dall’infanzia a Smirne ai primi affari a Buenos Aires, e poi New York, Londra, Parigi… e con i ricordi riemergono anche le persone che hanno attraversato la sua esistenza.

Ogni incontro segna un legame, per quanto intenso, destinato a una vita breve e a una fine rovinosa: nel lungo peregrinare verso la mecca della ricchezza più sfacciata l’unico viatico è un’inestinguibile solitudine.

Panos Karnezis è nato in Grecia nel 1967. Nel 1992 si è stabilito in Inghilterra, dove ha studiato ingegneria. Attualmente vive a Oxford.