0 Shares 11 Views
00:00:00
16 Dec

Beppe Grillo Incredible Italy nei teatri europei

dgmag - 11 gennaio 2010
11 gennaio 2010
11 Views

Parte il 27 gennaio dal palco dello Shepherd’ s Bush Empire di Londra il tour europeo di Beppe Grillo per la prima volta nella sua carriera nel Vecchio Continente con il suo nuovo show Incredible Italy.

Dopo il debutto londinese, il suo tour europeo il 3 febbraio a Bruxelles (Teatro Wolubilis), il 6 febbraio a Parigi (La Cigale), il 10 febbraio a Monaco di Baviera (Muffathalle), il 12 febbraio a Zurigo (Kongresshaus) per concludere il 13 febbraio a  Basilea (Teatro Stadt Casino).

L’8 febbraio, inoltre, Beppe Grillo parteciperà ad un dibattito sulla centrale nucleare di Mochovce, località a 120 chilometri da Vienna, su invito dell’assessore all’Ambiente del Comune di Vienna Ulli Sima, da sempre oppositrice del nucleare.

Lo show Incredible Italy "è la storia di una nazione aliena, proiettata nel passato e nel futuro, mai nel presente. Un racconto agghiacciante che non fa paura", spiega Beppe Grillo. "Nulla di incredibile infatti può fare paura. Per questo gli italiani  accettano Berlusconi o D’Alema, Ratzinger o Napolitano: perché non credono alla loro esistenza. Eppure queste entità sono tra noi e mettono a rischio l’intera civiltà occidentale.  Se è successo in Italia succederà anche a Berlino, Tokyo, Londra. Blair ospiterà mafiosi, la Merkel corromperà giudici e minorenni muscolosi. Sarkozy andrà a trans. L’Italia ha inventato le banche e il fascismo quando non ci credeva nessuno. Avremo l’Europa a televisioni unificate e non lo verremo mai a sapere. Il nostro ministro della Cultura, Bondi, scrive poesie per Berlusconi, come un tenero amante, su Vanity Fair. Il ministro delle Pari Opportunità, la Carfagna, faceva la soubrette, ha il culo più bello d’Italia in mostra nei calendari dei camionisti".

"Incredible Italy"
, continua Beppe Grillo presentando lo spettacolo, "non è satira, non è comicità, è iperrealismo, una irrealtà senza precedenti amplificata dalle mafie, dall’ingerenza della Chiesa, dalla massoneria e da una corruzione sociale senza confronti al mondo.  L’Italia è fallita, ma non è fallita, è mafiosa, ma non è mafiosa,  è tutto e il contrario di tutto. E’un calabrone che vola senza che si sappia il perché. E’ un caos disorganizzato, un virus implacabile che contaminerà ogni nazione".

Loading...

Vi consigliamo anche