0 Shares 16 Views
00:00:00
18 Dec

Diario di un pazzo (che amava Shakespeare) con Anna Mazzamauro

dgmag - 3 marzo 2010
3 marzo 2010
16 Views

Si ispira al Diario di un pazzo di Nikolaj Gogol, il nuovo intenso lavoro scritto ed interpretato da Anna Mazzamauro, dal titolo Diario di in pazzo (che amava Shakespeare), in scena al Teatro Ghione dal 9 al 21 marzo, per la regia di Livio Galassi.

Il racconto è un viaggio nella doppiezza, nella schizofrenia di un uomo niente affatto particolare; l’iter di un attore frustrato  – dal non essere mai riuscito a realizzare le proprie ambizioni – a tal punto da smarrire identità e ragione. L’infinita amarezza e crudeltà del destino del protagonista, che amava Shakespeare,  è annegata nell’ironia e nella comicità che fanno di questo personaggio l’archetipo dei “non eroi”.

Il testo di Anna Mazzamauro nasce proprio nel 2009 per celebrare il grande scrittore e drammaturgo russo e soprattutto il suo legame con Roma e l’Italia.

Il 25 marzo del 1837 infatti Gogol’ arriva a Roma e il grande scrittore russo s’innamora della città eterna e come lui stesso dichiara trova “la patria della sua anima”, il luogo dove “la sua anima viveva prima ancora che [venisse] alla luce”. A Roma – dove respirando l’aria che “faceva venire voglia di trasformarsi in un gigantesco naso, con narici grosse come secchi” per “farci entrare almeno 700 angeli” – Gogol’ è veramente felice come scrittore e come uomo.

Ama Roma e il popolo italiano, dotato di grandissimo senso estetico, ammira la natura dell’Italia e la sua arte.

Per Gogol’ il teatro era un’arte sublime, di grande rilievo sociale., un’arte della quale Anna Mazzamauro è oggi Maestra e che mette a completa disposizione del pubblico che da sempre la ama in questo suo testo Diario di un pazzo (che amava Shakespeare), ispirato proprio al Diario di un pazzo di Nikolaj Gogol.

In contemporanea con lo spettacolo, dal 9 marzo sarà in libreria il libro dal titolo Adattiamoci di Anna Mazzamauro, edito da Graus Editore.

Adattiamoci! non è un’autobiografia in senso proprio di Anna Mazzamauro, anche se lei stessa ne è autrice; né si può definire biografia, seppure si parli della sua vita. In realtà Adattiamoci! offre al lettore molte più sfumature delle caratteristiche e delle qualità di un’attrice, in quanto “è più facile raccontare la propria storia come se fosse una serie di memorie altrui”, nella quale si affidano “il dolore o il godimento a personaggi che li hanno già vissuti”.

Attraverso tre adattamenti teatrali ideati dalla Mazzamauro si scoprono – e si godono – tre personaggi eccezionali: “Anna Magnani”, “la Silvani” e “un Pazzo”, protagonista di un racconto di Gogol, “ma con una mutazione che soltanto la mia storia ha provocato”. I buoni attori sono capaci di adattarsi ai personaggi che interpretano, ma solo pochi riescono ad adattare i personaggi alla propria vita.

Loading...

Vi consigliamo anche