0 Shares 8 Views
00:00:00
14 Dec

Suburbia Festival a Bollate in scena da oggi

LaRedazione
26 giugno 2009
8 Views

La scena teatrale contemporanea apre il sipario il 26, 27 e 28 di giugno al Suburbia Festival.

L’evento che si terrà a Villa Arconati di Bollate (Mi), muove i primi passi nel 2006 da un progetto di Nudoecrudo Teatro, una compagnia nata nel 2001 all’interno degli spazi del centro sociale Cascina Autogestita Torchiera Senzacqua di Milano.

Da poco la splendida villa settecentesca è divenuta dimora stabile della compagnia grazie al finanziamento del Progetto Être della Fondazione Cariplo, che punta a sostenere e incoraggiare le nuove realtà del teatro di ricerca.

L’obiettivo di questo collettivo teatrale è quello di condurre una riflessione attorno agli aspetti basilari del fare teatro: il ruolo dell’attore, l’urgenza di comunicare, il rapporto con il pubblico in quanto comunità.

Anche quest’anno dunque la ricerca ha portato i suoi frutti.
Dieci saranno infatti le performance, due le mostre e due i workshop tenuti da Barbara Toma e Cassinotti- D’Antonio.

Stasera ad aprire l’evento lo spettacolo Tebe – Macchine enarmoniche per monologhi tragici, risultato di un laboratorio teatrale condotto a Villa Arconati da Antonello Cassinotti e Davide D’Antonio e realizzato dalla compagnia bergamasca Brincadera. Poi Ilinx Officine Artistiche – “ATA Azienda Traghettatori d’Anime – Ilinx Machine”

Ospite della prima serata di apertura anche Giuseppe Battiston, vincitore del Premio Hystrio, e che si esibirà con Orson Welles’ Roast.

Il 27 sarà la volta dei padroni di casa Nudoecrudo Teatro che presenteranno una performance di 20 minuti intitolata “L’Isola – una storia di tutti i giorni”, tratto dal libro di Armin Greder.  Poi ancora si esibirà la coreografa Barbara Toma, e la drammaturga Arianna Scommegna.

Domenica 28 il Suburbia Festival inizierà ben presto, alle 16.30 del pomeriggio con la Cooperativa Sociale Alekoslab. Seguiranno il Faust di Arteatro e Cartanima con “Certificato d’esistenza in vita”.

I temi di questa tre-giorni sono molteplici e si scardinano in aspetti molto diversi tra loro. Temi sociali, come l’eutanasia (Cartanima) o l’immigrazione clandestina (Nudoecrudo Teatro); indagine del ritratto e della psicologia dei personaggi ( Barbara Toma); investigazione della macchina scenica in quanto testo, musica, movimento, coro (Cassinotti- D’Antonio).
E se in molti gridano che il teatro è oramai in agonia, questo festival sicuramente è una smentita.  Il teatro vive e cerca forme nuove.

Ingressi:
Venerdì 26 e Sabato 27 giugno
Intero Euro 10,00 – Ridotto Euro 5,00
Domenica 28 giugno
Ingresso unico Euro 3,00

Loading...

Vi consigliamo anche