0 Shares 9 Views
00:00:00
16 Dec

‘Hai paura del buio? 2013’: parte da Torino il festival gratuito voluto dagli Afterhours

LaRedazione - 28 agosto 2013
LaRedazione
28 agosto 2013
9 Views

Parte da Torino il Festival ‘Hai Paura del Buio? 2013’, organizzato dagli Afterhours ad ingresso completamente gratuito. Una delle band più apprezzate di sempre del circuito della musica rock alternativa italiana, mette in piedi un Festival itinerante per permettere di ascoltare nuova musica, e a nuovi talenti di mettersi in luce in un panorama come quello discografico che più di altri risente della crisi economica generale. Tanti palchi e tanti nomi importanti della musica italiana dunque nel capoluogo piemontese venerdì trenta agosto: Manuel Agnelli e compagni d’altronde non sono nuovi ad iniziative di questo tipo, e da oltre dieci anni sono impegnati nell’organizzazione di eventi live, come fu ad esempio il ‘Tora! Tora! Festival’ del quale ‘Hai Paura del Buio? 2013’ può essere considerato l’erede naturale.

All’edizione 2013 del festival targato Afterhours parteciperanno come detto tanti artisti emergenti, ma anche nomi già noti del panorama italiano, di sicuro richiamo per il pubblico, come il cantautore romano Daniele Silvestri, il poliedrico rapper (ma è riduttivo definirlo così) Dargen D’Amico, e band storiche della scena alternativa del nostro paese come Marta Sui Tubi e Il Teatro degli Orrori. Anche gli Afterhours saranno ovviamente presenti con una loro performance live, su uno dei cinque palchi nei quali si svolgerà la serata di musica, che avrà inizio a partire dalle ore diciotto nell’area delle Officine Grandi Riparazioni di Torino. Il Festival non prevederà però solo show musicali: ci sarà infatti anche spazio per il teatro, con le surreali opere preparate da Antonio Rezza, e persino una gara per poeti emergenti, un contest curato da Marco Philopat.

Insomma, un’esperienza a trecentosessanta gradi curata nei minimi dettagli dalla direzione artistica della band torinese, che proprio con l’album ‘Hai Paura del Buio?’ nell’ormai lontano 1997 si fece conoscere al grande pubblico musicale italiano, mentre i conoscitori più esperti della scena alternativa ne aveva apprezzato già il precedente lavoro cantato in italiano, ‘Germi’, e le precedenti produzioni in lingua inglese. Dopo aver dominato la scena alla fine degli anni novanta, gli Afterhours hanno saputo reinventarsi nel decennio successivo con album diventati di culto come ‘Quello che non c’è’ e ‘Ballate per piccole iene’, ma hanno mantenuto sempre aperta una finestra per osservare la crescita di nuovi talenti emergenti, ed offrendo loro opportunità come quelle dell”Hai Paura del Buio?’ Festival per condividere il palco con grandi nomi della musica italiana.

Loading...

Vi consigliamo anche