0 Shares 18 Views
00:00:00
18 Dec

Notte della taranta. Ospiti, aspettative e preparativi

LaRedazione - 19 agosto 2013
LaRedazione
19 agosto 2013
18 Views

La sedicesima edizione della ” Notte della Taranta ” è iniziata lo scorso 6 agosto e si concluderà il prossimo 24 con il Concertone che sarà trasmesso anche in diretta televisiva dalle ore 22.45 sul canale 26 del digitale terrestre Cielo. Nel concertone che concluderà come da tradizione la rassegna, saliranno sul palco, allestito a Melpignano oltre all’Orchestra Popolare “La Notte della Taranta”, numerosi ospiti di successo quali Niccolò Fabi, Emma, Alfio Antico, Miguel Àngel Berna, Roby Lakatos e Max Gazzé. Tutti gli artisti saranno chiamati ad interpretare con il loro stile, brani classici della musica popolare del Salento.

Il concertone sarà la degna chiusura di un viaggio che conta 15 tappe nelle varie località salentine e che nel corso delle varie serate vede presenti alle varie manifestazioni circa 300mila persone provenienti da tutte le regioni italiane ed anche dall’estero, per apprezzare quello che è ormai divenuto il più grande Festival italiano, a quindici anni dalla sua nascita datata 1998. Il maestro concertatore di questa sedicesima edizione è il violoncellista Giovanni Sollima, già da tempo alle prese con le prove, che culmineranno nella prova generale che si terrà il 23 agosto.

Il repertorio del concerto sarà ancora una volta ancorato alle radici musicali di questa terra, che saranno in alcuni casi rivisitate per renderle più simili al contemporaneo. Nella scaletta ci saranno sia le pizziche di Galatone ed Aradeo, ma anche brani classici come “Ferma zitella”, “Lu sule calau calau” e “Quannu te llai la facce”, la serenata “Kalinitta” e l’immancabile “Lu rusciu de lu mare”. Prima del Concertone di Melpignano, le altre tappe hanno toccato tra gli altri anche Corigliano d’Otranto con l’apertura del 6 agosto, Martignano, Carpignano Salentino, Lecce e Cutrofiano. Nell’ultima settimana del festival, a Melpignano, si accendono ogni sera in Piazza san Giorgio, le luminarie di Lucio Mariano, un maestro di questa arte che è caratteristica del Mezzogiorno, come sinonimo della festa e delle celebrazioni. In Salento in particolare non c’è nessuna festa paesana o celebrazione religiosa del santo patrono che non veda la presenza di luminarie create anche da artisti famosi.

Per il prossimo anno, nell’ambito della manifestazione, sarà lanciato un apposito concorso aperto anche all’estero e riservato soprattutto agli artisti più giovani, nel quale si dovranno realizzare delle luminarie che si rifacciano alla tradizione, ed al termine del quale saranno premiati i cinque migliori artisti, scelti da una giuria con a capo lo stesso Lucio Mariano, e le loro opere saranno esposte nei paesi che ospitano la Notte della Taranta. La formula particolare della ” Notte della Taranta ” ancora una volta sta ottenendo un grande successo e conferma come l’Italia e non solo lo splendido Salento, possano puntare con grande creatività sul patrimonio culturale e musicale locale per attrarre turisti e diventare così anche un motore della ripresa economica e sociale del paese.

Loading...

Vi consigliamo anche