0 Shares 11 Views
00:00:00
14 Dec

Venezia 70: George Clooney e Sandra Bullock star al Lido, ‘Gravity’ apre la Mostra

LaRedazione
29 agosto 2013
11 Views

La Mostra del Cinema di Venezia, arrivata alla sua settantesima edizione, si è aperta con la proiezione di “Gravity“. La pellicola, firmata dal regista Alfonso Cuaron, ha riscosso apprezzamenti positivi da parte della stampa, che si è profusa in un lunghissimo applauso. Particolarmente ammirata è stata la performance dei due attori protagonisti, ovvero George Clooney e Sandra Bullock. La visione del film, (fuori concorso) ha subito un ritardo di mezz’ora a causa della distribuzione dei caratteristici “occhialini” per la tecnologia 3D. A detta di Sandra Bullock, interpretare questo film non è stato facile: le riprese sono state spesso effettuate in condizioni “estreme”, che hanno provocato notevoli disagi al cast. ” Ce la dovevo fare” ha dichiarato l’attrice “ perchè la storia raccontata nel film valeva tanto. Alla fine è stata un’esperienza fisica ed emotiva incredibile.

La vicenda di “Gravity” è ambientata nello spazio, e si basa su un’ipotesi della NASA chiamata “Sindrome Kessler”. Secondo questa ipotesi, gli oggetti che si muovono nella “bassa orbita” terrestre sono dotati di una densità molto elevata; in presenza di certe condizioni, potrebbero addirittura scatenare collisioni ” a catena”, con conseguente caduta di rottami spaziali dagli effetti distruttivi per il nostro pianeta. Nel corso della conferenza stampa per la presentazione di “Gravity” la Bullock ha raccontato di aver più volte chiesto la consulenza di un amico astronauta, che l’ha chiamata direttamente dallo spazio per darle supporto durante le riprese.

Per noi gli astronauti sono dei miti” -ha spiegato l’attrice- “ma nella realtà sono persone normali son una grande passione per la vita e per il nostro pianeta“. I due protagonisti di “Gravity” sono proprio astronauti: alla deriva sul loro shuttle colpito da una pioggia di meteoriti, cercano di salvarsi e di tornare sula Terra. “Il mio personaggio non è molto simile a me ma mi è piaciuto” ha dichiarato Clooney ai giornalisti con la consueta ironia. E con lo stesso atteggiamento ironico ha poi eluso le successive domande della stampa sulla situazione in Siria. A chi gli ha chiesto cosa, secondo lui, dovrebbe fare il presidente Barack Obama in merito, ha infatti risposto con sorriso: ” Mi aspettavo questa domanda, e anche una su Ben Affleck. Ma per la Siria non credo di avere una risposta.” L’attore, arrivato al lido a bordo del motoscafo di un amico, ha poi ammesso di aver acquistato da poco il collegamento ad un satellite per tenere sotto controllo il Sudan, paese nel quale si commettono ogni giorno terribili atrocità. Sul “red carpet” della Mostra, Clooney si è mostrato gentilissimo e aperto con i numerosi fans che lo attendevano: sorridente e in gran forma, si è offerto ai “flash” dei fotografi e poi si è fermato a firmare autografi. Sandra Bullock è apparsa in uno splendido abito rosso che sottolineava la sua classe ed il suo fascino.

Loading...

Vi consigliamo anche