0 Shares 13 Views
00:00:00
14 Dec

‘Arcu ‘e Chelu’: pronta la compilation a favore della Sardegna

LaRedazione
30 dicembre 2013
13 Views
Arcu ‘e Chelu

Si chiama Arcu ‘e chelu’ , Arcobaleno, il doppio album edito da Universal Music Italia, che rappresenta una nuova iniziativa benefica a favore della popolazioni sarde che furono colpite dall’alluvione del 18 novembre.

L’ideatore di questa iniziativa è stato Eugenio Finardi che l’ha lanciata con un messaggio su Facebook con il quale invitava tutti gli artisti che si erano esibiti con canzoni in lingua sarda a pubblicare una compilation con i vari brani per sostenere una raccolta di fondi. Molte sono state le risposte e, non appena ottenute le liberatorie dalle varie case discografiche si è proceduto a mettere insieme le varie canzoni, preparando un doppio Cd che contiene un totale di 29 brani, che è uscito lo scorso 17 dicembre.

Dopo l’appello del cantante milanese infatti l’iniziativa ha coinvolto anche altri artisti italiani, che hanno voluto mettere a disposizione i propri brani. La compilation comprende quindi canzoni di Fabrizio De André, dello stesso Finardi, dei Nomadi, e dei Negramaro, oltre ad interpreti della tradizione sarda come i Tenores di Neoneli ed Elena Ledda ed una delle ultime rivelazioni della regione, Marco Scanu.

Importante anche il contributo di una band storica come quella dei Tazenda, che non è voluta mancare a questa iniziativa a favore dei loro corregionali colpiti dall’alluvione, inserendo nella compilation canzoni come ” Madre terra ” interpretata insieme a Francesco Renga, la famosissima canzone presentata al Festival di Sanremo, ” Spunta la luna dal monte ” con Pierangelo Bertoli, ed il loro nuovo singolo ” Il respiro del silenzio ” che si trova anche nell’ultimo album dei Modà, cantato insieme a Kekko.

Altri testi sono degli Afterhours, Roberto Vecchioni, Ivan Graziani, Stefano Bollani, Vinicio Capossela ed il jazzista sardo Paolo Fresu, che ha partecipato anche ad un’altra manifestazione benefica che si è tenuta a Bologna. Tutti i proventi derivati dalla vendita di questo doppio album saranno devoluti in beneficenza e messi a disposizione di due scuole di Olbia, una materna ed una primaria, grazie all’interessamento della Croce Bianca della stessa città.

Parlando dell’iniziativa e della sua velocissima attuazione, i Tazenda hanno sottolineato la loro gioia nel partecipare insieme a tanti artisti famosi, dicendosi certi che la tempra della gente sarda sarà capace di ricostruire il proprio futuro, anche grazie a questo tipo di iniziative, che, quando sono pensate e sostenute da persone ” di buona volontà ” trovano anche una rapida attuazione e riescono ad alleviare almeno in parte le sofferenze della popolazione colpita.

La musica, secondo i Tazenda serve non solo nei momenti felici, ma anche in quelli tristi ed è dovere di tutti gli artisti continuare a proporla. La compilation benefica ‘Aecu ‘e Chelu’ è un’iniziativa che pur rappresentando solo un piccolo contributo, di fronte alla calamità naturale che si è abbattuta sulla Sardegna, è una tra le più apprezzabili.

Vi consigliamo anche