0 Shares 13 Views
00:00:00
13 Dec

Biglietti Vasco Rossi 2013, come e dove comprarli online

28 gennaio 2013
13 Views

La grandissima richiesta, con tanto di code fuori dagli sportelli e interminabili attese online, ha fatto in modo che Vasco Rossi aggiungesse due nuove date al tour di giugno in modo da permettere ai tanti che vogliono vederlo di avere qualche possibilità in più: oltre ai due concerti del 9 e 10 giugno a Torino è stata aggiunta la data del 15 giugno mentre a Bologna è stato aggiunto il 26 giugno che segue le due date confermate del 22 e del 23 del mese.

Ovviamente dal momento in cui è stato annunciato l'aumento delle date disponibili è scattata anche la caccia al biglietto ma ad oggi si registrano ancora problemi perché per alcune nuove date i biglietti su TicketOne, licenziatario ufficiale, ancora non si trovano o ancora non sono stati messi in vendita per cui si rischia di aspettare molto senza poi ottenere nulla in cambio.

Su Internet sono così già usciti diversi modi per acquistare i biglietti per il minitour di giugno di Vasco e come sempre accade i prezzi sono, rispetto agli originali che partono da 48 euro, decisamente più alti.

Tra i siti più accreditati dove acquistare i biglietti c'è sicuramente Viagogo, un popolare sito di secondary ticketing che permette di comprare i tickets per il concerto di Vasco Rossi di giugno 2013 non lesinando sul prezzo: infatti i prezzi lievitano di quasi il 100% arrivando a costare quasi 100 euro per il prato a Torino quando il prezzo ufficiale è di 48 euro. Viagogo specifica però che il prezzo è determinato dal venditore, terza parte rispetto alla parte venditrice e alla parte acquirente e che dunque potrebbe essere più alto: a mettere in vendita i biglietti sono infatti dei venditori esterni che vengono pagati da Viagogo il quale diventa intermediario mettendo a contatto, senza farli incontrare, venditore ed acquirente (il prezzo del biglietto cambia di continuo in quanto, come specificato su Viagogo, "il valore nominale può essere differente rispetto al prezzo di vendita, poiché i biglietti su viagogo sono venduti al valore di mercato, in base a quanto un utente è disposto a pagare. Se la domanda per l'evento è alta, è probabile che il prezzo di vendita sia più alto del valore nominale, e viceversa). Dunque a vendere i biglietti su Viagogo potrebbe essere chiunque ma c'è da dire che i biglietti sono sempre autentici anche se sorge il dubbio che in qualche caso siano le stesse agenzie rivenditrici ufficiali dei biglietti a favorire questo business (basta vedere cosa è successo per il concerto degli One Direction).

Altro sito da sempre considerato tra i migliori e che praticamente opera come il precedente è SeatWave sul quale è possibile acquistare i biglietti per i concerti 2013 di Vasco Rossi ed eventualmente anche venderli: anche in questo caso i prezzi sono maggiorati (anche oltre il 100%) e anche in questo caso viene mostrata la disponibilità dei tagliandi al momento della visualizzazione dei biglietti con possibilità di decidere dove e quando andare anche in base alla mappa dello stadio.

Se cercate su eBay, a ridosso delle date, non sarà certamente difficile trovare i biglietti per uno dei sei concerti ma allo stesso tempo c'è dapensare che se ci sono persone affidabili e serie sul sito di aste prendere la fregatura non è difficile visto che ci si puo' registrare e poi sparire, intascando i soldi del biglietto e non consentendo a chi ha pagato di andare; c'è poi il fattore "aumento folle dei prezzi" per cui se i biglietti, come sicuramente accadrà, saranno introvabili chi ha avuto la fortuna di acquistarne uno o più di uno potrà decidere di rivenderlo al prezzo che preferisce andando così a generare un business davvero difficile da gestire.

Come al solito la polemica su come viene gestito il sistema di vendita ufficiale dei biglietti è solo all'inizio e come al solito non sono pochi quelli che hanno avuto brutte esperienze per cercare di acquistare i biglietti per Vasco Rossi ma che, nonostante tutto, pur di ascoltare e cantare con il loro idolo farebbero davvero del tutto.

Vi consigliamo anche